Fibronit. Respinto l’ultimo colpo di coda dei poteri forti

L’aspettavamo da mesi! Eravamo sereni e fiduciosi; non riuscivamo ad ipotizzare un esito diverso. Di nascosto però incrociavamo le dita; volevamo esorcizzare la comprensibile preoccupazione. La confortante sentenza del Consiglio di Stato, che accoglie gli appelli proposti dalla Regione Puglia e dal Comune di Bari, pone definitivamente la parola FINE alle rivendicazioni dei soggetti interessati ad effettuare interventi edilizi sul sito di via Caldarola al quartiere Japigia di Bari.

Bari, alla guida di un auto blu con lampeggiante per entrare gratis in Fiera: denunciato 62enne

A bordo della sua autovettura privata munita di lampeggiante blu identico a quello in uso alle Forze di Polizia e paletta segnaletica priva di matricola riportante la dicitura “Ministero delle Finanze” aveva guadagnato gratuitamente l’accesso alla Fiera del Levante.

Bari, controlli dei carabinieri a Carbonara e Ceglie del campo: sequestri di rame e droga

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bari nel corso di mirati controlli finalizzati a contrastare lo spaccio di droga ed i reati predatori hanno arrestato un 59enne incensurato del luogo con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e deferito in stato di libertà un 23enne ed un 26enne pregiudicati baresi ritenuti responsabili di ricettazione.

Bari-Palese, tenta rapina in una banca: arrestato 23enne

Nel quartiere Palese di Bari un individuo, armato di taglierino, ha tentato una rapina presso la filiale della Banca Popolare di Bari, ma è stato bloccato all’interno della bussola di sicurezza dai Carabinieri della Stazione di Bari Santo Spirito, immediatamente allertati dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale, che lo hanno arrestato per tentata rapina aggravata.

Monopoli, ragazza morta in discoteca: oggi l’autopsia per far luce sulla causa del decesso

MONOPOLI - Erano le 5 di ieri mattina quando Rossella Diciolla, di 22 anni perdeva la vita su di una pista da ballo, l’Autodromo Club di Monopoli. Oggi sul corpo della ragazza, trasferito già ieri nell’Istituto di Medicina Legale del Policlinico di Bari, sarà eseguita l’autopsia e verranno effettuati eventuali esami tossicologici per capire quale sia stata la causa del malore.

Bari-Carbonara, sorpresi a spacciare marijuana: tre arresti

Sono stati sorpresi mentre spacciavano una dose di Marijuana ad un giovane barese. È quanto hanno scoperto a Bari Carbonara i Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bari che hanno arrestato il 29enne Manneh Lamin, il 24enne Konate Amidou ed il 23enne Hamza Fatty, tutti di nazionalità nigeriana e già noti alle forze dell’ordine con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Bari, aggredisce i carabinieri intervenuti per sedare un diverbio: arrestato 28enne

E’ accaduto a Bari dove i Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bari hanno arrestato un 28enne di origini Nigeriane con l’accusa di resistenza a Pubblico Ufficiale, violazione di domicilio e rifiuto di fornire la propria identità personale.

Bari, ordigno esplode nella notte davanti a una sala giochi di Viale della Repubblica

BARI – Un boato scatenatosi nella notte a seguito dell’esplosione di un ordigno ha svegliato tutta viale della Repubblica, a Bari, oltre ai residenti delle vie limitrofe.

Omicidio Petrone, si indaga sulla vendetta trasversale: forse ucciso per colpire suo figlio

BARI – Vendetta trasversale. È questa la pista seguita dagli inquirenti per risolvere il caso dell'omicidio che domenica scorsa ha sconvolto la cittadina di San Girolamo. I killer di Nino Petrone, secondo gli investigatori, sarebbero dei sicari professionisti assoldati dai clan e l'omicidio dell'autista Amtab, un messaggio rivolto a qualcun altro, per gli inquirenti, forse lo stesso figlio dell'uomo. Le indagini sono ancora in corso.

Omicidio Petrone, gli inquirenti: «Movente da ricercarsi nella guerra tra clan mafiosi»

BARI - Si inizia a far luce sul perché il 43enne Gaetano Petrone, incensurato e autista dell’Amtab, sia stato ucciso, domenica 2 settembre a Bari, nel quartiere San Girolamo. Sembrerebbe che il vero bersaglio non fosse lui ma qualcuno legato alla sua famiglia (un parente o un amico) che nel corso della serata dell’omicidio risultava essere introvabile e che sarebbe implicato nel tentato omicidio di Felice Campanale, avvenuto una settimana prima .

Consigli per gli acquisti

Ultimi Articoli