dav

Sabato 5 agosto, ore 6.45, San Pietro in Bevagna, provincia di Taranto. Il turista tedesco arriva in spiaggia per godersi il mare del mattino, ma la “prima fila” è occupata dagli ombrelloni e dalle spiaggine. In tutto, però, ci saranno tre o quattro persone.

Inciviltà e cattive abitudini sono dure a morire, nonostante in Puglia si stiano moltiplicando le multe ai danni di chi occupa abusivamente il posto sulla spiaggia libera, nel caso prima o poi decida di andarci. Il turista non si arrende, sceglie il “suo” posto e si piazza togliendo l’anonimo ombrellone.

Un paio d’ore dopo arriva il legittimo proprietario e scatta la discussione, in cui viene fuori il nocciolo della questione: “Quel posto è mio da anni. Lo sanno tutti”. Tutti tranne il turista. E dove sta scritto? Hai pagato la concessione? Il tedesco per un giorno ha destabilizzato la storica colonizzazione della battigia e della zona immediatamente dietro, quella dove puoi respirare anche se ci sono 40 gradi.

Un pezzo di spiaggia che vale il presidio notturno o la levataccia al sorgere del sole, salvo poi tornare a dormire (molte volte nella casa abusiva, poi condonata), fare colazione e magari la spesa prima di tornare a godersi i frutti freschi di quell’abuso tramandato di generazione in generazione, coi piedi sulla sabbia bagnata. Alla faccia di Lucifero e tutti gli altri bagnanti.

Stampa Articolo
Loading...

7 COMMENTI

  1. Ho sempre pensato che e persone prima o poi avrebbero smesso di andare a San Pietro. Nessun servizio,enefreghismo della gente, affitti assurdi e case carissimi senza i servizio necessari, pagare l’acqua che ora c’è, lo spurgo ,la bombole e dover comperare ogni anno ,(pentole,accessori da cucina) .ci sarà sempre qualche pollo nuovo da spennare ma ora con il web verranno sputtanati

  2. Io sono un manduriano che vive a Torino da quasi cinquanta anni. Ma vengo in ferie sempre qui perche’ ho la casa bene questa storia ormai e’ radicata e non si riesce a farla togliere a questa gente . Vedere persone anziane per non dire vecchi che si alzano al mattino presto per andare a piazzare l’ombrellone in prima fila , e’ una cosa che mi da il voltastomaco, eppure non le si puo’ dire niente altrimenti si finisce con il litigore come il turista tedesco. Quello che non riesco a capire e’ il perche’ anzicche lasciare il posto in prima fila allle persone che hanno i bambini piccoli da seguire si piazzono loro salvo poi lamentarsi che i bambini quando passano per andare a farsi il bagno , le danno fastidio. Questa e’ incivilta’ e purtroppo qui ne regna tantissima e non solo per gli ombrelloni ma anche per tante altre cose che non sto qui ad elencare ma che lo vedono tutti , ma per il quieto vivere la gente non si ribella .

  3. Di tutto questo rimane solo un’articolo di una pagina web, sicuramente nessuno farà nulla per debellare questo “malcostume”.
    Il comune, volendo, può applicare il regolamento che nessuno deve lasciare nulla sulla battigia, il regolamento esiste già.
    Lasciare ombrelloni e sedie sulla battigia equivale a lasciare dei rifiuti sulla spiaggia, quindi via alle multe.
    E via anche l’usanza che, “siccome io ho la casa e qui ci vengo da anni questo posto è mio”.
    Classico atteggiamento MAFIOSO…

  4. Assolutamente d accordo .Peccato che debbano venire gli stranieri a darci elementari lezioni di rispetto e civiltà. Questa è gentr che continua a ABUSARE perché tutto rimane impunito..W LA PUGLIA e w i pugliesi che hanno la forza e il coraggio di combattere gli abusi di ogni genere

  5. …il problema che oltre ai locali anche i turisti hanno appreso questa pratica di occupazione a prescindere dall’ orario di arrivo in spiaggia. Trovarsi la mattina alle 8.00 una striscia di spiaggia, che ci è stata concessa per miracolo nell’ area di Porto Cesareo, occupata da ombrelloni, teli 2 metri x 2, spiaggine e sdraio senza alcuna presenza umana è destabilizzante. Buone vacanze a tutti.

  6. Terra di costruzioni abusivi nel mare, cosa ci deve sorprendere, controlli zero, rispetto per l ambiente uguale

  7. Che dire poi, dei turisti pendolari che arrivano attrezzati di tutto punto lottizzando una fetta importante di spiaggia, come se dovessero stare una settimana?

LASCIA UN COMMENTO