foto di repertorio

La neo istituita Agenzia regionale dell’emergenza e urgenza (Areu) ha scatenato l’ennesima reazione a comando di alcune associazioni di volontariato, che in Puglia dal 2002 gestiscono le postazioni del servizio 118. Piangono certi presidenti. Dicono che il volontariato in questo modo muore, nascondendo che di gratuito nella bolgia del 118 non c’è più niente da ormai 16 anni.

Sono morti e sepolti i tempi in cui dopo il lavoro ci si iscriveva per passione a questa o quella associazione, si compravano a proprie spese le divise e quando mancava la benzina per l’ambulanza i volontari, quelli veri, facevano la colletta per riempire il serbatoio. Attenzione, per ora dell’Areu si sa poco e niente a parte i proclami e le linee guida, ma una cosa è certa: le associazioni-aziende verrebbe spazzate via.

In questo modo, forse, si riuscirà a capire se davvero esiste ancora il volontariato autentico. Sì, perché già il fatto che una onlus assuma 4 dipendenti, pagati grazie ai soldi passati dalla Asl, è una grossa anomalia. Certi presidenti, vecchi e nuovi, vedono franare il terreno sotto i piedi; la possibilità di ricattare nel modo peggiore ragazzi volenterosi, padri di famiglia, donne sole che hanno bisogno del pane quotidiano. Abbiamo raccontato più volte della madre di tutte le lamentele: “I soldi che passa la Asl ogni mese sono pochi per la gestione della postazione”.

Facendo due conti in tasca si capisce meglio come le cose non stiano proprio in questi termini. Non entriamo nello specifico, ci vorrebbe un commercialista. Per via dei rimborsi diretti alla sola gestione dell’ambulanza, il mezzo viene interamente ammortizzato, generando anche non pochi guadagni fino alla sua “rottamazione”. Le virgolette sono d’obbligo, perché per rottamazione non ci riferiamo all’ultimo viaggio verso lo sfascia carrozze, ma all’impiego del mezzo di soccorso usato nel 118 nei servizi secondari delle associazioni, come i trasporti di infermi e malati, a loro volta capaci di generare altri incassi.

Insomma, la Asl vede e provvede. La benzina? I rimborsi sono ben al di sopra del consumo chilometrico. Abbiamo letto che a detta di qualcuno i dipendenti sono il cancro delle associazioni. Eppure, nessuno si lamenta quando si intasca una parte dello specifico rimborso Asl, evitando di far fare loro turni notturni o addirittura di farli lavorare il sabato e la domenica. In alcuni casi, poi, si permette di raggiungere un banco ore mensile capace di evaporare col tempo nel corso dell’anno.

Ma veniamo al nocciolo della questione: i volontari. Nessuno ormai sale a bordo di un’ambulanza per passione. È diventato un lavoro nero a tutti gli effetti, finora avallato colpevolmente da Asl e Regione. Uomini e donne, spesso col coltello alla gola per necessità, vengono rimborsati con buoni pasto e benzina, ma anche “regolarmente” pagati. I volontari guidano l’ambulanza pur essendoci i dipendenti, tanto per fare un esempio. In passato abbiamo denunciato come a quei volontari, oggi elemento insostituibile per cui si piangono lacrime di coccodrillo, si è fatta pagare la divisa e in alcuni casi persino la formazione, nonostante la Asl erogasse altri rimborsi specifici.

Insomma, se l’Agenzia è un modo per accorpare, per esempio la centrale operativa e il coordinamento del servizio; rendere migliori le condizioni di queste persone sfruttate da anni, azzerando i privilegi di alcuni pensionati, dopolavoristi e vari lacché, ma soprattutto se sarà capace di rendere più efficiente il servizio ai cittadini, sia benedetta. Nessuna generalizzazione, s’intende, ma non si può continuare a nascondersi dietro un dito. A Bari, all’incrocio tra viale Orazio Flacco, Papa Pio XXII e Giovanni XXII, c’è Vitino dei fazzolettini, prodotto efficace per asciugare lacrime tardive. In questa storia non si salva nessuno, né gli approfittatori storici né chi è rimasto a guardare per comodità.

print

4 COMMENTI

  1. I veri beneficiari dei fondi regionali sono i presidenti delle associazioni, quelli che hanno accesso ai soldi del conto corrente e li gestiscono senza alcuna trasparenza. Il resto, come ben scritto, è lavoro nero sottopagato che si basa non sulla volontarietà ma sulla fame.

  2. Finalmente un cambio di idee del quotidiano verso la direzione giusta rispetto all’articolo di ieri. Il volontariato è iniziato a morire proprio nel 2002. Ci vorrebbe un processo di Norimberga che colpisca tutti i presidenti in malafede e ladri! Così come tutti i volontari che volontari non sono.

  3. Cambio di idea? Questa storia è allucinante. Mi verrebbe di bestemmiare e prendere a schiaffi chiunque. QUELLO DI IERI E’ UN COMUNICATO STAMPA. Quello di oggi, pienamente coerente alla linea seguita da cinque anni a questa parte, minacce di morte comprese, è un editoriale. Ma siamo impazziti? I nervi a fior di pelle. Ma finora dove stavate? Ah sì, a farvi sfruttare.

  4. Anche commentare vuol dire compromettersi, una cosa è certa, in tutta questa storia durata decenni, ci vorrebbe una intera trasmissione di “Report” (Rai) per capire quanto si si è speso (in euro) fin’ora, e dove sono andati a finire tutti quei soldi.
    Alla fine della storia, a tutt’oggi, il 118 della Regione Puglia è formato da “volontari” che hanno acquisito conoscenze sul campo, hanno imparato il mestiere improvvisando, e quando erano pronti per il soccorso hanno dovuto abbandonare il servizio perchè la “paga” non era sufficiente.
    In pratica abbiamo un Servizio di Emergenza Sanitaria “diverso” e poco professionale.
    A mio parere, un servizio del genere deve essere composto da personale aziendale (ASL) preparato per ogni evenienza e dotato di veicoli di emergenza di proprietà ASL di ultima generazione.
    Un’ultima cosa: Il volontariato è un’attività di aiuto gratuito e spontaneo verso persone in condizioni di indigenza o che necessitano di assistenza… (Fonte Wikipedia)
    Opinione strettamente personale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here