“Le nuove diagnosi di HIV/AIDS notificate al Sistema di Sorveglianza regionale nel 2019 sono 162” a fronte delle 171 registrare lo scorso anno e delle 218 di due anni fa. A renderlo noto è la professoressa Maria Chironna, responsabile della sorveglianza nell’ambito dell’Osservatorio Epidemiologico Regionale Puglia e che ha curato l’analisi dei dati della nostra regione nel report 2020.

Numeri che fanno ben sperare, anche se, dall’analisi dei dati si evince che “la riduzione di casi ha riguardato tutte le province, tranne Lecce e Taranto che hanno mostrato, al contrario, un aumento dei casi. È possibile tuttavia – si legge nel report – che il dato nelle altre provincie rifletta un problema di sottonotifica”.

“Nonostante il Covid19 – fronte che sta tenendo fortemente impegnata la Chironna, in prima linea per l’analisi dei tamponi – i dati sono stati puntualmente forniti e rivelano che anche in Puglia, come in Italia, si osserva una riduzione delle nuove diagnosi e ciò grazie alle terapie altamente efficaci che azzerano la carica virale nei soggetti infetti” ha spiegato la Chironna.

“Questi soggetti, se effettuano la terapia, non sono più in grado di contagiare altre persone – sottolinea -. L’infezione si trasmette quasi esclusivamente per via sessuale e riguarda soprattutto maschi al di sotto dei 30 anni. Rilevante la quota di maschi che contrae l’infezione attraverso rapporti sessuali con altri maschi (MSM)”.  Nel 2019 quasi l’85% dei casi ha acquisito l’infezione attraverso la via sessuale, nei maschi l’incidenza è risultata quasi sei volte maggiore rispetto alle femmine.

“Rimane ancora, purtroppo, alta la percentuale di persone che scopre tardi di aver contratto l’infezione e che non accede tempestivamente alle terapie continuando ad alimentare la circolazione del virus. È fondamentale continuare a promuovere una capillare e corretta informazione sull’HIV – conclude – così come garantire il testing, gratuitamente e tempestivamente, per scoprire l’infezione presso tutti i centri preposti della regione Puglia.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here