“Gli assembramenti in questo Istituto non sono più un rischio ma una triste realtà”. Parola di Domenico Losacco, segretario aziendale Fials Oncologico Bari: “In più di una occasione, abbiamo denunciato il quotidiano rischio di assembramenti nelle varie realtà di questo Istituto e purtroppo i fatti ci stanno dando ragione”.

“Il servizio CUP/TICKET, come altre realtà ambulatoriali, ogni giorno ed in barba alle norme anti CoVid-19, sono letteralmente prese d’assalto con inevitabili assembramenti che stanno minando l’incolumità dei pazienti e dipendenti di questo Istituto” scrive Losacco in una nota inviata al direttore generale del Giovanni Paolo II, al direttore sanitario e al Risk Management.

Per questo “la FIALS è a chiedere con la massima urgenza e senza ulteriori indugi, l’attivazione di procedure mirate atte a salvaguardare l’incolumità dei dipendenti e pazienti e nel contempo si chiede l’avvio urgente di nuovi test rapidi per CoVid-19 per tutto il personale”.

Il segretario però va oltre, proponendo “l’attivazione di un container ad hoc all’ingresso dell’Istituto per le attività dei prelievi ematologici e di un percorso dedicato e soprattutto più idoneo per i pazienti in attesa del triage esterno che non contempli dei semplici ombrelloni da giardino ma delle pensiline che possano meglio riparare dalle intemperie invernali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here