Presunto voto di scambio alle scorse elezioni comunali di Bari. La Digos della Questura di Bari ha puntato la lente d’ingrandimento su quattro candidati in liste che sostenevano Decaro e lo sfidante di centrodestra Pasquale Di Rella.

Secondo gli inquirenti in cambio di voti al candidato al Consiglio comunale venivano dati buoni benzina, soldi, buste della spesa e altri favori. Sembra, inoltre, che gli stessi Decaro e Di Rella fossero all’oscuro della pratica illegale. Entrambi avevano espresso tutto il loro disappunto contro chi mette in atto la pratica del voto di scambio.

Nel frattempo la candidata sindaco del Movimento 5 stelle, Elisabetta Pani, lancia la proposta agli altri soggetti che hanno corso per la poltrona di primo cittadino. “Abbiamo inteso organizzare la manifestazione cittadina ‘Liberi di Votare’ che si terrà venerdì 14 giugno alle ore 19 in corso Vittorio Emanuele (altezza Teatro Piccinni). Lo scopo della manifestazione è testimoniare il proprio dissenso di fronte a questo cancro del processo democratico e, anche, sensibilizzare alla necessità della denuncia». Un’iniziativa a cui Pani ha invitato a partecipare Decaro, Di Rella, Melini, De Razza e Corallo, gli altri candidati sindaco, oltre a «Tutti i cittadini che, a prescindere dai colori politici, lo scorso 26 maggio hanno espresso con coscienza, il proprio voto libero ed incondizionato”.

“In attesa dell’esito delle indagini – continua la Pani – non si può negare che in alcuni luoghi del nostro Paese la prassi illegale del voto di scambio sia ormai purtroppo consolidata al punto da essere ritenuta, da alcuni, una consuetudine quasi scontata e fisiologica nonostante la stessa costituisca uno dei più feroci attacchi all’articolo 1 della nostra Costituzione ed alla stessa democrazia”.

“Sarebbe fondamentale che, a prescindere dagli schieramenti, tutta la classe politica (in primis i candidati e i rappresentanti eletti nelle istituzioni che si apprestano ad avviare il lavoro di questa nuova consiliatura), lanciasse compatta un messaggio di denuncia contro tali vili pratiche ed un accorato appello alla legalità – conclude la pentastellata. Una vostra partecipazione all’alba di questa consiliatura, testimonierebbe alla cittadinanza anche come, nonostante le differenze di pensiero talvolta profonde, vi siano dei valori cardine condivisi che nessuno di noi è, né sarà mai, disposto a mettere in discussione”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here