Giardinetti di via Ricchioni, via Ciusa e via Leotta, al quartiere San Paolo, quelli del cantiere infinito, per non dire abbandonato. Ce lo aveva anticipato telefonicamente l’assessore Galasso nelle scorse settimane, la cosa è diventata ufficiale. La giunta comunale ha infatti approvato due delibere che riguardano i lavori di miglioramento delle opere di riqualificazione delle due aree. Come noto, infatti, i lavori sono stati cantierizzati e poi sospesi lo scorso anno, al fine di poter recepire alcune modifiche al progetto da parte dei cittadini, rappresentate dal presidente e consiglieri del Municipio III.

Le due distinte delibere riguardano l’approvazione di una perizia di variante e di lavori complementari con cui verranno realizzate opere leggermente differenti e aggiuntive rispetto a quelle originariamente appaltate, che consentiranno di rendere l’area maggiormente fruibile.

Gli interventi consistono nella sostituzione dei muretti in pietra con panchine e nella creazione di un’area ludica con pavimentazione antitrauma su cui verranno installate attrezzature ludiche utilizzabili anche da bambini con disabilità. L’area sarà anche dotata di impianto di illuminazione collegato a quella pubblica stradale, in modo da garantire la giusta luminosità nelle ore serali e notturne.

L’importo complessivo dei lavori ammonta a circa 130mila euro, interamente finanziato con il mutuo originariamente richiesto, e consentirà di sistemare questo spazio pubblico in modo da soddisfare anche le aspettative dei cittadini. Sulla vicenda il Gruppo Revolution aveva accusato Galasso di non mantenere le promesse, ora non resta che aspettare le fine dei lavori per vedere se sarà questa la volta buona

La giunta, inoltre, ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione di una piccola area ludica all’interno della scuola d’Infanzia “Lopopolo”, in via Toscana, al quartiere San Paolo. Si tratta di interventi, dell’importo complessivo di 20mila euro, che riguardano l’installazione di un’altalena doppia, uno scivolo, un gioco a molla e della pavimentazione antitrauma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here