Mani sulla telecamera, parolacce e insulti, mentre sull’uscio della porta dell’associazione Emervol di Bitetto chiediamo spiegazioni su alcune indiscrezioni. Faciamo domande, è questo il nostro lavoro. L’uomo, per quanto ci riguarda ignoto, è stato identificato come noi dai Carabinieri, chiamati per nome al momento del loro arrivo. I militari sono intervenuti tempestivamente dopo circa dieci minuti. A chiamarli è lo stesso individuo.

Dalla sede dell’associazione, che dal primo marzo gestirà le postazioni 118 di Palo del Colle, Palese e Convesano, siamo però tornati senza risposte ufficiali, ma con qualche indicazione in più. Avremmo voluto sapere perché gli autisti-soccorritori dipendenti di quell’associazione avessero in passato dovuto firmare un documento che consentisse all’Emervol di pagare gli stipendi entro il 27 del mese e non il 7 come previsto dal contratto di riferimento, quello dell’ANPAS.

Avremmo voluto conferma alla notizia secondo la quale agli stessi dipendenti non siano stati riconosciuti buona parte di straordinari, festivi e notturni, pur previsti dal contratto. Avremmo voluto sapere se la Asl fosse stata messa a conoscenza del periodo in cui la postazione di Palo del Colle è rimasta con un dipendente in meno.

Su ogni cosa, però, alla vigilia della partenza del nuovo corso del 118 – se così si può dire – avremmo voluto sapere che senso avesse avuto convocare i dipendenti per firmare un documento rimasto secretato dopo il nostro intervento, in cui si metteva una pietra tombale sui rapporti di lavoro passati e soprattutto su eventuali pretese econominche, per di più con l’avallo di un sindacato che non fosse quello a cui sono iscritti gli autisti-soccorritori.

Sindacato che, a quanto pare, adesso si sarebbe tirato indietro. Ci dispiace sapere che alcuni volontari se la siano presa con noi per la decisione del presidente, convinto d’ora in poi di “pagare” i turni di lavoro in parte coi buoni pasto e in parte in contanti, come tra l’altro si sarebbe già dovuto fare e non si è fatto per ammissione dello stesso presidente in questa intervista. Del resto, il fatto che il bando per l’assegnazione delle postazioni del 118 sia illogico non siamo stati noi a dirlo, ma gli stessi componenti della Commissione.

Alla fine, come spesso ci succede, è andata così: nessuna risposta alle nostre domande e l’intervento dei Carabinieri. L’unico intervento che auspichiamo in questo momento è quello della Asl di Bari e del Coordinamento del 118, in modo da poter accertare se, come speriamo, l’Emervol Bitetto possegga tutti i requisiti per poter avere in gestione le tre postazioni del servizio di emergenza-urgenza. Come sempre, indipendentemente dall’accoglienza ricevuta, restiamo a disposizione di chiunque volesse chiarire e precisare.

Stampa Articolo

1 COMMENTO

  1. Che io torto a quello che ha l’amico Nicola in divisa,mica gli do torto,in fondo le istituzioni (anche quelle in divisa)gli permettono tutto questo,loro non fanno altro che gestire la macchina scassata targata 118.

LASCIA UN COMMENTO