Quando la Polizia ha fatto irruzione a casa sua ha trovato droga, il necessario per il confezionamento e lo spaccio oltre a una pistola semiautomatica. Per questo giovedì scorso è stato arrestato il 39enne barese Nereo Zanghi.

L’uomo, già noto agli agenti della Questura, era stato tratto in arresto nell’ottobre del 2014 perché trovato in possesso di una pistola semiautomatica con matricola abrasa, completa di caricatore, e nel mese di maggio del 2012 in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, perché ritenuto responsabile di tentato omicidio di un coetaneo, colpito con numerose coltellate, nei pressi di un locale pubblico del quartiere Poggiofranco.

I poliziotti della Sezione Antidroga della Squadra Mobile hanno appreso che presso l’abitazione dell’arrestato potessero essere custodite armi e stupefacenti. È stata quindi effettuata un’attività di perquisizione presso la sua abitazione e presso la cantinola di pertinenza, nel quartiere Carrassi, che ha permesso di sequestrare un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento, la somma di 600 euro in contanti, un involucro contenente 58,30 grammi di cocaina ed una pistola semiautomatica marca CZ-G2000, calibro 9 luger, completa di caricatore contenente 7 cartucce dello stesso calibro.

A seguito del giudizio per direttissima, l’uomo è stato condannato alla pena di 3 anni ed 8 mesi di reclusione e fatto accomodare ai domiciliari.

Stampa Articolo
Loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO