Michele e Rossella, sono i primi sposi baresi ad essersi giurati amore eterno con le nuove regole anti-covid stilate dal Comune di Bari. Il rito civile è stato celebrato questa mattina dal sindaco Antonio Decaro nella chiesetta sconsacrata, sede del Municipio 1 di Bari, nel quartiere Libertà.

Dopo il lockdown il Comune ha permesso infatti di tornare a celebrare matrimoni e unioni civili con parenti e amici, limitando però gli accessi e imponendo tutte le misure necessarie per la sicurezza, come l’igienizzazione delle mani, l’utilizzo delle mascherine e il rispetto della distanza interpersonale.

Alle nozze dei 25enni dipendenti pubblici, hanno preso parte dieci familiari, oltre ai due testimoni, il sindaco e l’ufficiale di Stato civile, i due officianti del rito. Tutti gli invitati sono stati disposti nella saletta su sedie alternate e hanno indossato mascherine, compresi gli sposi che le hanno tolte solo al momento del bacio finale.

“Torna il calore degli amici e della famiglia ad accompagnare il rito civile del matrimonio. Non ci possono essere ancora tutti, dobbiamo avere le mascherine, usare gel igienizzante e rispettare molte regole, ma piano piano stiamo tornando a vivere la bellezza di momenti come questo – scrive il sindaco Antonio Decaro su Facebook -. Dopo la frase di rito, con un pizzico di emozione, ho detto a Michele e Rosa ‘Adesso che appartenete allo stesso nucleo familiare, mantenendo le distanze dagli altri, nel rispetto delle linee guida, lo sposo può baciare la sposa'”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here