In provincia di Bari ieri i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato S.D., di anni 63, con precedenti nel settore del commercio degli alimenti nocivi, titolare di un’impresa di macellazione e commercio di carni. Durante un sopralluogo nell’area adibita a mattatoio, dove le attività iniziano solitamente all’alba, i militari hanno identificato tutti gli operai  addetti alle varie funzioni, dalla macellazione.

Fra i dipendenti i Carabinieri hanno trovato tre cittadini extra-comunitari (un gambiano, un nigeriano e un indiano, tutti regolari sul territorio nazionale), i quali, a differenza degli altri, erano occupati in condizioni di sfruttamento. Assunti da almeno due anni con mansioni di
stalliere e addetto al carico/scarico merci, erano impiegati in media 10 ore al giorno, lavorando anche 60 ore settimanali a fronte delle 39 previste dal Contratto Collettivo Nazionale di riferimento.

La loro paga oraria non superava i 2,50 euro circa, una retribuzione palesemente minore rispetto a quanto stabilito dai contratti nazionali, per i quali il compenso si attesta su
10euro all’ora per le stesse mansioni, e tuttavia non adeguato al carico di lavoro svolto, con un abituale superamento del limite massimo di lavoro straordinario settimanale. Nessuno di essi è risultato essere stato sottoposto alla prescritta sorveglianza sanitaria, al fine di verificare lo stato di salute in relazione all’impiego, come pure è stata omessa la formazione e informazione in merito ai rischi per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Ognuno dei tre sfruttati dimorava in un container di plastica sito all’interno dell’azienda, privo di servizi igienici, situati a notevole distanza. I medici della ASL, giunti in supporto delle operazioni, hanno certificato il degrado igienico di quelle strutture e la mancanza dei requisiti minimi di abitabilità. Lo stato di bisogno era tale che le vittime hanno accettato di vivere in situazioni di sfruttamento al solo fine di aiutare le rispettive famiglie nei paesi di origine, alle quali inviavano tutto il denaro guadagnato. Nessuno aumento era mai stato chiesto per timore di un licenziamento.

Al termine dell’indagine il titolare è stato arrestato in flagranza di reato con l’accusa di sfruttamento del lavoro e sottoposto agli arresti domiciliari come disposto dalla Autorità Giudiziaria di Bari. Elevate sanzioni amministrative per un totale di 35mila euro e ammende per un totale di 19mila.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here