È stata inaugurata questa mattina dal sindaco Antonio Decaro la nuova piazza Redentore nel quartiere Libertà di Bari. Terminati i lavori che l’hanno trasformata in un nuovo spazio pedonale a disposizione dei cittadini, interessando anche tratti stradali di via Crisanzio e via Martiri d’Otranto.

Come noto, le aree in corrispondenza della scuola San Giovanni Bosco e dell’Istituto Salesiano Redentore, un tempo aperte al traffico veicolare, sono state chiuse al traffico e interamente riqualificate configurando una grande piazza di quartiere a forma di L di circa 5.000 metri quadri.

All’inaugurazione sono intervenuti anche l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, il presidente del Municipio I Lorenzo Leonetti, il parroco del Redentore don Francesco Preite e i bambini e ragazzi che frequentano il campo estivo dell’oratorio.

“Questa per noi è una giornata importante perché inauguriamo un luogo che ha un forte valore simbolico – spiega il sindaco Decaro -, È certamente una piazza bellissima ma a fare la differenza non sono i materiali utilizzati o le finiture dell’intervento, ciò che fa la differenza è essere riusciti a portare a termine una sfida che dicevano essere impossibile. Quando abbiamo cominciato a pensare a questa piazza, in tanti ci dicevano che non saremmo mai riusciti a sottrarre spazio alle auto per offrirlo ai bambini e che, in ogni caso, qualsiasi opera sarebbe stata presto vandalizzata”.

“Oggi invece siamo qui e sono orgoglioso, perché la nuova piazza Redentore è la dimostrazione che si può ripensare la destinazione di uno spazio pubblico, in questo caso di un’area compresa tra una scuola e una chiesa, per restituirlo ai cittadini e alle famiglie del quartiere Libertà affinché possano viverlo in sicurezza  – continua -. Questo è stato possibile perché non ci siamo arresi, perché ci abbiamo creduto, perché niente è irrealizzabile se ci crediamo insieme. Sono convinto che è necessario credere nella possibilità di cambiare in meglio le cose, anche a costo di essere criticati, anche quando sembra inimmaginabile. Io credo nella mia città, non esistono sfide impossibili o quartieri difficili e questa piazza, oggi, ne è una prova”.

“Piazza Redentore è un luogo simbolico prima ancora che urbano e fisico, è il luogo della vita, della socialità, del riscatto soprattutto dei più piccoli – commenta don Francesco Preite -. È il luogo di una comunità e di un’amministrazione che hanno ascoltato soprattutto la voce dei bambini, dedicando loro cura e attenzioni con giochi e spazi nuovi. Ora è responsabilità di tutti farsi carico di questo bene comune: vivere la piazza rispettando le regole. Accanto alla rigenerazione urbana c’è bisogno di una rigenerazione educativa, di civiltà, che riguarda tutti. Non permettiamo a nessuno di rubarci questo spazio di vita”.

“Abbiamo seguito costantemente il procedere dei lavori, consapevoli dell’importanza di questo intervento nel cuore del quartiere Libertà, raccontandone gli avanzamenti, passo dopo passo – ha aggiunto l’assessore Giuseppe Galasso -. Credo che i numeri in questo caso restituiscano con chiarezza l’entità della riqualificazione realizzata, con 280 mq di superficie asfaltata a fronte dei precedenti 2.150; 4.130 mq di spazi pedonali a fronte dei precedenti 2.200; 485 mq di superficie antitrauma per le aree ludiche a fronte dei precedenti 75, con l’installazione di 8 strutture ludiche, alcune delle quali multigioco”.

“Nel corso dei lavori, inoltre, il numero complessivo degli alberi a corredo della piazza è passato da 20 a 32, la superficie di terreno permeabile è salita da 62 a 170 mq, mentre le sedute a disposizione dei cittadini sono oggi oltre 160 a fronte delle precedenti 72. Al contempo abbiamo aumentato la qualità e la sostenibilità dell’illuminazione della piazza con 37 nuovi pali a led al posto dei precedenti 20, installando inoltre un sistema di videosorveglianza che allo stato si compone di 7 telecamere cui a breve se ne aggiungeranno altre 4 – conclude -. A tutela della sicurezza di questo nuovo spazio pubblico la velocità di transito sulla stradina a margine della piazza è di 10 km/h, mentre le attività commerciali che vi si affacciano dispongono finalmente di marciapiedi molto ampi dove poter posizionare tavolini e sedie per i clienti”.

L’intervento, del valore complessivo di 1 milione 200mila euro, rientra tra le opere finanziate con il “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluoghi di provincia”.

È stata realizzata una grande piazza di quartiere a forma di L, di circa 5.000 mq che si sviluppa su un’unica superficie priva di dislivelli evidenziando gli accessi alla chiesa, all’oratorio e alla scuola.

Sono stati rimossi oltre 2.000 mq di asfalto sostituiti con una pavimentazione in lastre di pietra locale per un totale di circa 4.000 mq, con la messa a dimora di 19 nuovi alberi (16 di canfora e 3 di pruno) e la piantumazione di nuove piante di agapanthus nelle aiuole.

È stata realizzata un’area giochi per bambini (circa 500 mq), pavimentata in gomma antitrauma, sono state posizionate 30 panchine lineari monolitiche in conglomerato bianco, 8 cestini portarifiuti per la raccolta differenziata, 3 portabici ad arco in acciaio inox, mappe tattili per persone non vedenti e dissuasori per delimitare la corsia di traffic calming. Sono stati, inoltre, ampliati e rinnovati i marciapiedi antistante i locali commerciali di via Crisanzio, prospicienti la piazza.

Per quanto riguarda la pubblica illuminazione e la sicurezza, sono stati montati 37 nuovi corpi illuminanti a led ad alto risparmio energetico e 11 postazioni della rete di videosorveglianza pubblica. Nel corso dell’intervento sono stati eseguiti anche l’impianto di prima pioggia per il recupero e il trattamento delle acque raccolte e quello per l’irrigazione al servizio di tutte le aiuole presenti sulla piazza.

Secondo quanto richiesto dall’Istituto Salesiano Redentore, nel corso dei lavori sono stati rinnovati e integrati al progetto gli elementi architettonici di pertinenza della chiesa, quali la scalinata, la rampa per l’accesso delle persone con disabilità e l’illuminazione della facciata, e ricollocate le statue. A tal fine è stata rimossa la recinzione metallica della chiesa su via Martiri d’Otranto e posizionati corpi illuminanti a pavimento, idonei ad illuminare rispettivamente il prospetto principale della chiesa e le due statue sul sagrato.

Per consentire l’eventuale accesso dei mezzi di servizio e di emergenza davanti alla chiesa in occasione di eventi speciali, è stato installato un dissuasore semi-automatico nel tratto di corsia a quota della piazza in corrispondenza di via Martiri d’Otranto.

A seguito della pedonalizzazione, sono stati invertiti i sensi di marcia di via Petrelli e della attuale parallela al tratto finale di via Crisanzio, che di fatto è diventato una corsia di traffic calming. Pertanto il traffico veicolare più intenso proveniente da via Brigata Bari, tramite via Libertà, e da via Crisanzio viene oggi direzionato verso corso Italia tramite via Petrelli.

Per quanto concerne, infine, gli spazi destinati alla sosta delle auto per i residenti, la larghezza della sezione stradale del tratto finale di via Martiri d’Otranto, opportunamente ridisegnata con appalti di manutenzione straordinaria strade e marciapiedi di prossima esecuzione, ha consentito di recuperare tutti gli spazi di sosta persi nell’ultimo isolato di via Crisanzio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here