La Regione Puglia ha autorizzato nuovi ingressi nelle strutture residenziali, a condizione che l’impianto abbia a disposizione una stanza singola per ospitare l’assistito per la durata di 14 giorni.

È quanto scritto nelle due circolari firmate dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dal direttore del dipartimento Politiche della Salute, Vito Montanaro.

I tamponi per i nuovi ricoveri saranno gratuiti e verranno effettuati dalle Asl mentre le aree Covid-19 non sono più obbligatorie e saranno necessarie per la gestione dei pazienti sospetti.

Le nuove disposizioni riguardano le strutture residenziali, semiresidenziali, ambulatoriali, domiciliari per soggetti non autosufficienti, disabili, psichiatrici e affetti da dipendenze patologiche.

“L’attuale situazione epidemiologica del contagio da COVID-19 nel territorio pugliese ci consente finalmente di riaprire servizi e attività di particolare rilevanza per i minori, e le famiglie pugliesi – afferma Montanaro -. Coinvolti anche i servizi antiviolenza, case rifugio di prima e di seconda accoglienza, chiamati in questi mesi a far fronte a situazioni gravi e complesse, rese ancor più delicate dalla lunga convivenza forzata delle donne con i maltrattanti”.

Le disposizioni sono destinate anche ai servizi a carattere residenziale per minori e per gestanti madri con figli, con l’obiettivo di consentire la graduale ripresa delle normali attività interne ed esterne alle suddette strutture.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here