“Grazie alla sperimentazione di telemedicina sugli elicotteri abbiamo vinto anche un premio”. Il presidente della Regione Puglia, con delega alla Sanità, Michele Emiliano, risponde così al nostro articolo in cui facevamo notare come l’elisoccorso in Puglia, seppur da più parti evocato, di fatto ancora non esiste.

“Io non sono un bugiardo, anzi sono abituato sempre e comunque a raccontare la verità – scrive il Governatore – Lo stesso vorrei che facessero gli altri. Mi rendo conto però che a volte manca proprio l’informazione. Proprio sulla sperimentazione di telemedicina in emergenza urgenza sugli elicotteri, che secondo lui non esiste in Puglia, abbiamo vinto un premio datoci dalla Regione Lombardia”.

“La Puglia ha vinto un premio nel 2016, Premio Innovazione S@lute 2016, con il progetto PoCT in operazioni H-EMS (Helicopter Ermegency Medical Systems), e cioè il dosaggio della Troponina mediante l’uso di un Point of Care Testing (iStat Abbott), anche in elisoccorso. L’unicità della ricerca sta nella certificazione del dato analitico da parte del patologo clinico che a distanza, tramite collegamento via rete GPRS, valuta l’attendibilità del dato emerso”.

“Il premio – sottolinea il Presidente –  istituito dalla Regione Lombardia, con il patrocinio del Ministero della Salute e della Conferenza delle Regioni e delle Province, ha visto competere amministrazioni pubbliche, aziende, enti locali e regionali e start up. Bene, il nostro progetto, presentato dall’Azienda Universitaria Consorziale Policlinico di Bari, attraverso il giudizio di una giuria composta da importanti esponenti del mondo della ricerca e dell’università e tra ben 589 progetti valutati, ha avuto un riconoscimento per la sezione Innovazione nel campo clinico-sanitario essendo stato definito unico a livello europeo per la sua specificità”.

“Poi per carità – ha concluso Emiliano – il nostro sistema sanitario non è esente dalle criticità. È di questa estate la delibera che dà l’avvio ai lavori per la costituzione dell’Agenzia emergenza urgenza regionale. C’è ancora un percorso da fare, un percorso di partecipazione e confronto con tutti gli operatori coinvolti che mi auguro porti ad un risultato al più presto. Stiamo lavorando per migliorare ancora la sanità”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here