Un sodalizio vincente quello della compagnia teatrale Impronte, nata nel 2015 grazie all’apporto di tre teatranti dalla mentalità fervida, quali Alessandra Altomare, Erika Troccoli e Silvia Mazzeo. Un filo conduttore che attraverso la passione, le esperienze maturate sui palchi di tutta Italia e la voglia di “aggregare” musica e teatro, ha sortito il successo di “Taxi a due piazze”, un classico della commedia brillante creato dalla penna ironica del commediografo inglese Ray Cooney, e rimesso in scena dalla brava regista e attrice palese Alessandra Altomare.

Una commedia teatrale tragicomica partita dal teatro comunale “Tommaso Traetta” di Bitonto lo scorso 4 marzo 2018, preludio al successo dell’esilarante performance svoltasi sabato 5 e domenica 6 maggio, presso l’auditorium della scuola media statale “Giovanni XXIII” di Grumo Appula.

Una degna cornice di pubblico, con applausi e risate ha rimarcato il lavoro meticoloso della regista che ha puntato tutto su una messinscena essenziale, capace di esaltare gli ingranaggi comici della vicenda, senza imporre particolari intenti morali o motivazioni su cui riflettere, se non quello di suggerire “soavemente” il consiglio di tenere sempre a mente che il diavolo insegna a fare le pentole, ma non i coperchi!

E come in tutte le farse del maestro degli equivoci Ray Cooney, la compagnia Impronte, grazie alla sinergia e alla bravura del cast ha funzionato egregiamente generando situazioni al limite del paradosso con scambi di persona, doppi sensi e personaggi al confine tra follia e comicità, garantendo due ore di puro divertimento e ilarità.

Il protagonista di “Taxi a due piazze” è un tassista di nome Mario Rossi, con nome e aspetto ordinario, incanalato in una vita”semplice”, con una bella casa, una moglie innamorata e le abitudini ben consolidate. Una vita talmente serena che lo induce a moltiplicarla per due! Bigamo soddisfatto, vive infatti con la moglie Carla a piazza Risorgimento e con la moglie Barbara a piazza Irnerio. Grazie ai turni del suo lavoro e ad una pianificazione perfetta di orari e spostamenti, tutto scorre felicemente, con le due donne totalmente inconsapevoli l’una dell’altra.

Quando però a causa di un banale colpo alla testa, il tassista viene ricoverato in ospedale e fornisce due indirizzi di residenza diversi, iniziano i guai tra giornalisti curiosi, vicini di casa invadenti e ispettori di polizia chiamati ad indagare, la situazione si complica e da qui in poi sarà tutto un susseguirsi di equivoci, coincidenze, bugie a catena, scambi di identità, brillanti trovate e scombinati errori nel tentativo forsennato e sempre più difficile di nascondere la verità. Un crescendo inarrestabile di situazioni assurde e di ritmo incalzante che porteranno a un finale brillantemente spiazzante.

Maurizio Santamaria, ha interpretato in maniera dilettevole e con sicurezza il tassista romano, mentre lo spassoso Cesare Sblano ha prestato il volto a Walter Fattore, suo sfaccendato vicino di casa che, avendo scoperto la verità sulla bigamia dell’amico, si è ritrovato suo malgrado complice e protagonista delle situazioni più comiche e imbarazzanti.

Ad affiancarli sul palco un validissimo cast, capeggiato dall’esperta e audace Alessandra Altomare  (in arte Barbara) e completato dalla divertente e preparata Erika Troccoli (in arte Carla), dal debuttante e autorevole Antonio Alberga (brigadiere Percoca), dalla poliedrica  Annarita Colasuonno (brigadiere Filetto), dallo spumeggiante Carlo Pice nella prima a Bitonto, e dallo spassoso Nicola Borracci (entrambi in arte Bobby) e infine dalla simpatica e sbarazzina Fransisca Antonicelli (nella parte della giornalista/paparazza).

A completare il tutto un cast tecnico di tutto rispetto con la maestria dello scenografo Giuseppe Amendolara e il montaggio della stessa a cura di Francesco Sassone, al service audio e microfonazione Matteo Palermo e Fabio Fornelli. Ringraziamenti speciali anche per la fotografa di scena Sabrina Piccininni, all’hair stylist Stefania De Palma e al presidente della FITA (Federazione Italiana Teatro Amatoriale), Anna Maria Carella.

A completare il capolavoro della compagnia Impronte, sempre attenta nello sostenere tutte le attività di promozione e sensibilizzazione del territorio e di volontariato umano, un gesto nobile e generoso nello devolvere parte del ricavato all’AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue), in favore della neonata associazione di Palo del Colle.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here