In tempo di pandemia da coronavirus, quest’anno sarà un San Giuseppe decisamente diverso. Così, tra italiani costretti a casa e medici in prima linea, tre pasticceri hanno deciso di non far mancare un po di dolcezza e di sostegno al personale del Miulli di Acquaviva.

Eustachio Sapone, di Acquaviva delle Fonti, Pietro Netti di Castellana Grotte e Giuseppe Salierno di Bitonto, hanno deciso di preparare circa mille zeppole che saranno donate a quanti sono impegnati nell’ospedale, diventato Centro Codid-19.

“Oggi è tempo di rispetto delle regole e anche di solidarietà – hanno dichiarato i tre pasticceri -. Abbiamo preferito evitare la vendita a domicilio perché preferiamo tutelare i nostri dipendenti. Vogliamo che non siano esposti a rischi inutili così da poter tornare più presto al nostro lavoro tutti insieme. Ognuno di noi, nel proprio laboratorio, preparerà le zeppole da donare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here