Un pitbull prende di mira due barboncini, butta a terra il proprietario, lo trascina da un isolato all’altro prima di azzannare uno dei cani davanti a decine di passanti terrorizzati. Succede venerdì scorso in via Sparano, all’angolo con via Abate Gimma. Siamo nel centro di Bari. L’ora è quella del passeggio, per strada ci sono migliaia di persone anche perché siamo nel pieno del triduo pasquale.

Il proprietario, un uomo di origini baresi che da anni vive a Roma, porta al guinzaglio i suoi due barboncini in compagnia della madre. Una passeggiata tranquilla, fino a quando il pitbull non prende di mira i suoi cagnolini. A quel punto prova a cambiare ripetutamente direzione, ma il grosso cane li ha puntati. L’uomo prova a difendere i barboncini prendendoli in bracico.

Il pitbull lo butta per terra, lo trascina e alla fine prende tra le sue grinfie uno dei cani. La prese è tremenda. Intanto passanti, negozianti e commessi accorrono in aiuto. Calci e pugni non sembrano dissuadere il pitbull dal mollare la presa. È allora che l’uomo decide di rischiare un braccio, mettendo la mano davanti al muso e agli occhi dell’animale inferocito, che solo allora molla la presa.

Il barboncino perde molto sangue, zampilla ovunque. In molti tra i passanti urlano e avvertono malori per via della scena raccapricciante. Immediato l’intervento della Polizia Locale, che mette su un taxi il proprietario e i cani per correre in una clinica veterinaria, dove il barboncino ferito viene sottopsto a un intervento chirurgico durato diverse ore. L’animale à sfigurato, ma vivo.

Le immediate indagini della Polizia Lozale permettono di scoprire che i proprietari sono minorenni di orgine cinese, che candidamente ammettono di non sapere dell’obbligo della museruola, del microchip e dei vaccini. I ragazzi sono stati sanzionati dalla Polizia Locale e denunciati dal proprietario dei barboncini.

“Il vero problema – dice il padrone degli animali ancora sotto shock – è che gli uomini non hanno imparato ad essere i migliori amici dei cani. È inimmaginabile ciò che è successo, non si può lasciare un cane di quelle dimensioni a ragazzini sprovveduti nell’ora di punta, per di più nel pieno centro di Bari frequentato da migliaia di persone”. Infine la doverosa gratitudine. “Vorrei ringraziare la Polizia Locale e tutti i baresi – continua l’uomo – per il loro tempismo e competenza gli uni, per l’eccellente senso civico gli altri. Spero che episodi del genere possano essere isolati e servano di lezione. Abbiamo rischiato grosso tutti: io, i miei cani, ma anche chiunque si trovasse in quella zona nel momento in cui il pitbull ha perso il controllo”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here