Se ne andava in giro per la festa patronale a Terlizzi con la pistola in pugno come se niente fosse, ma è stato fermato e arrestato dai Carabinieri con l’aiuto della Polizia Municipale. Si tratta di un sorvegliato speciale 36enne di Ruvo di Puglia, per lui le accuse sono resistenza a pubblico ufficiale, minaccia aggravata, violazione degli obblighi imposti e lesioni personali aggravate.

La caccia all’uomo è scatta in conseguenza delle numerose telefonate giunte al 112 che segnalavano la presenza di un uomo armato in giro per la festa. Quando l’uomo si è accorto dei militari, ha gettato l’arma in una siepe, poi rivelatasi una scacciacani priva di caricatore e tappo rosso, ma la cosa non è sfuggita ai Carabinieri che l’hanno recuperata dopo aver bloccato il sorvegliato speciale non senza difficoltà. Per non farsi arrestare, infatti, il 36enne ha strattonato i militari.

Tratto in arresto, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, il ruvese è stato portato in carcere. Accertamenti successivi hanno permesso di scoprire che l’arrestato era a Terlizzi nel pomeriggio; dopo aver avuto un diverbio con il suocero, un 68enne del luogo, lo ha colpito alla testa con il calcio della pistola, provocandogli lesioni giudicate guaribili in una settimana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here