“Gli autobus dell’Amtab non sono sicuri per noi cittadini e per il personale, chiediamo al sindaco Decaro e alla Regione di intervenire al più presto”. L’appello è di una cittadina barese testimone di quanto accaduto ieri mattina in via Crispi sul mezzo della linea 13. 

“Ero sul pullman quando un uomo, in evidente stato di ebrezza e noto nel quartiere, ha iniziato a prendersela con l’autista perché non lo aveva fatto salire sul bus in quanto già in partenza. È riuscito a raggiungere l’altra fermata ed è lì che ha iniziato a tirare calci e pugni sul parabrezza, ha rotto i tergicristalli e con quelli ha mandato in frantumi il finestrino dell’autista”.

“Questa persona ci ha tenuto in ostaggio per una decina di minuti. Io insieme ad anziani e bambini eravamo terrorizzati. Per strada ci sono ancora i segni dell’aggressione e sono tuttora sotto choc per quanto accaduto”.

Data la situazione, sono intervenuti in via Crispi gli agenti di Polizia e i Carabinieri che hanno provveduto ad allontanare l’uomo. Non contento per quanto accaduto, l’aggressore, dopo essere stato rilasciato dalle Forze dell’Ordine, si è diretto immediatamente in piazza Moro al gabbiotto dell’Amtab per chiedere spiegazioni al personale sul perché l’autista non lo abbia fatto salire.

Tutto ciò a causato sgomento e rabbia da parte degli operatori Amtab, a poche ore dal rinvio dello sciopero e dalla lettera aperta inviata al sindaco Decaro sia riguardo l’emergenza sanitaria, ma soprattutto per la mancata tutela della sicurezza per gli autisti, spesso vittima dell’ira di qualche passeggero fuori controllo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here