Era stato assunto per badare a un uomo anziano, ma invece lo maltrattava e picchiava. In seguito alle segnalazione dei parenti e vicini di casa, i Carabinieri di Monopoli sono riusciti ad arrestare in flagranza di reato un cittadino georgiano di 52 anni.

Il georgiano era stato assunto dai familiari del 90enne affetto da alcune patologie per accudirlo. I sospetti sono iniziati a maturare quando i parenti hanno notato il cambiamento nel comportamento dell’anziano, diventato taciturno e impaurito dalla presenza del badante.

I familiari hanno dunque deciso di recarsi ai Carabinieri, i quali hanno avviato le indagini al fine di accertare se dietro lo stato d’animo sofferente dell’uomo potessero celarsi episodi di maltrattamenti.

Le investigazioni, basate su pedinamenti del georgiano, acquisizione dei filmati del sistema di videosorveglianza dell’abitazione ed escussione di testimoni, che spesso avevano udito gridare l’anziano, hanno consentito di documentare numerosi episodi di maltrattamenti ai danni di quest’ultimo, che si erano verificati ormai da almeno 3 mesi. In particolare, le vessazioni consistevano in insulti, minacce, nonché violenze fisiche messe in atto dal
badante nei confronti della persona indifesa, culminate ieri pomeriggio quando, per l’ennesima volta, l’uomo si è scagliato contro l’anziano prendendolo a schiaffi.

I militari, allertati dalle grida, sono subito intervenuti nell’abitazione ed hanno bloccato  immediatamente l’uomo che, al fine di sottrarsi al controllo, ha tentato di aggredirli, venendo poi definitivamente arrestato.

Contestualmente è stata fatta giungere sul posto un’ambulanza del 118 che ha provveduto a trasportare l’anziano presso l’ospedale San Giacomo di Monopoli dove, a seguito dei colpi subiti, gli sono state riscontrate lesioni guaribili in 10 giorni.

Il 52enne, che dovrà rispondere dell’accusa di maltrattamenti contro conviventi, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Bari a disposizione della locale A.G., in attesa di giudizio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here