Al termine di scrupolose indagini svolte dai Carabinieri di Santo Spirito, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica Ordinaria e per i Minorenni di Bari, sono stati tratti in arresto su Ordinanza di Custodia Cautelare i 5 appartenenti al branco che lo scorso 11 giugno, sul lungomare di Palese, hanno selvaggiamente picchiato un 15 enne bitontino, causandogli gravissime lesioni.

Il 15enne si era recato al mare con altri due amici coetanei. Giunti in prossimità della spiaggia i tre furono bloccati da un branco di 5 giovani del posto che hanno incominciato ad insultarli utilizzando come pretesto la loro provenienza bitontina, impedendogli di raggiungere il mare, costringendoli a seguirli per un tratto di strada verso l’interno della città. Lungo il percorso Gaetano ed i suoi amici, compresa la situazione di pericolo, dopo aver finto di seguirli per alcuni metri, hanno cercato di mettersi in salvo iniziando a fuggire con tutte le loro forze nella direzione opposta rispetto al branco.

Gaetano purtroppo non ce la fece e venne raggiunto dal branco. Il più feroce fra loro, P.T. 20enne, noto alle FF.OO. per i suoi precedenti (giunto a bordo di una bicicletta requisita ad un bambino che si trovava casualmente a passare) lo ha bloccato e colpito con un primo pugno violento al volto facendolo rovinare in terra e scatenando così la furia degli altri, tutti giovanissimi, P.S. 18enne, T.D. 18enne ed i minori B.A. 16enne e L.N. 17enne, che si accanirono sulla vittima sferrando calci e pugni al volto.

La violenza del branco si è arrestata soltanto grazie all’intervento di una signora che ha richiamato l’attenzione di altri adulti i quali riuscirono a soccorrere il 15enne, facendo allontanare gli aggressori.

La ferocia dell’aggressione che ha causato gravissime lesioni alla giovane vittima, mascherata dall’odio per chi proviene da una città diversa, è stata una manifestazione di violenza fine a sé stessa; frutto dell’adesione a modelli di vita sbagliati, di atteggiamenti prevaricatori, di un pericoloso “gioco al controllo del territorio” che trova, come in questo caso, una risposta ferma delle Istituzioni anche quando i responsabili sono giovani o giovanissimi.

Le indagini sono state svolte dai militari nell’immediatezza dei fatti e sono state portate avanti in maniera incessante sino al raggiungimento di un quadro probatorio solido, non limitato alla raccolta dei filmati estratti dagli impianti di videosorveglianza ma arricchito dalla ricerca di tutte le fonti di prova utili, comprese le numerose testimonianze verbalizzate, messe a sistema con il contesto investigato. L’esito delle indagini, ha consentito così, in breve tempo, di poter ricostruire compiutamente quanto occorso quel tragico pomeriggio, giungendo agli odierni provvedimenti emessi dalle Autorità Giudiziarie baresi.

L’esito degli accertamenti e della ricostruzione della dinamica di svolgimento dei fatti, ha determinato le AA.GG. procedenti ad attribuire alle condotte degli arrestati le responsabilità per il concorso nella violenza privata e nelle lesioni, con le aggravanti di aver agito per futili motivi e con crudeltà.

Con l’esecuzione dei provvedimenti i tre maggiorenni sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Bari, mentre i due minori associati presso delle comunità di recupero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here