Le tecniche digitali stanno cambiando non solo la pratica clinica quotidiana, ma anche i flussi diagnostici e terapeutici. Le innovazioni tecnologiche in odontoiatria hanno permesso di velocizzare le terapie, abbassando notevolmente i costi di produzione e introducendo nuovi materiali in abbianmento a nuove tecniche di preparazione.
Allo stato attuale si è in grado di pianificare un percorso terapeutico totalmente digitale. Si parte dalla diagnosi attraverso apparecchi di transalluminazione, che individuano le lesioni cariose in fase iniziale oppure grazie all’utilizzo di apparecchi radiologici digitali in 3D. Strumenti preziosi per diagnosticare tridimensionalmente le problematiche presenti all’interno del cavo orale. Non solo. Attraverso le tecnologie digitali è possibile valutare i movimenti mandibolari grazie all’impiego di macchinari a ultrasuoni. In questo modo si possono rilevare eventuali disfunzioni dell’articolazione temporo mandibolare.
Un percorso all’avanguardia in cui è anche possibile prendere impronte digitali attraverso scanner intra orali, che permettono di generare un file che viene inviato ad un sistema CAM in grado di produrre la protesi per mezzo di una fresa. Insomma, la digitalizzazione consente da un lato una diagnosi più precisa; dall’altro di individuare un percorso terapeutico meno invasivo, con la possibilità di avere tempi di recupero brevissimi, persino in giornata in alcuni casi.
Di tutte le novità nel campo dell’odontoiatria si è parlato a Mola di Bari, nel convegno: “Odontoiatria vincente attraverso l’innovazione tecnologica”, organizzato da Sanitanova in collaborazione con KaVo (azienda leader per la produzione di tecnologie odontoiatriche). Insolita la sede, il salone nautico EXPOMARE, una nuova realtà meridionale per la commercializzazione di imbarcazioni. Il simposio è stato condotto da Cesare Di Napoli, giovane eccellenza dell’odontoiatria italiana. Un importante momento di confronto per addetti ai lavori, con l’obiettivo di far superare ai pazienti l’incubo del dentista grazie a tecnologie e apparecchi sempre più all’avanguardia.
print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here