Grandi novità da Bologna. Agli stati gen­erali della Croce Rossa Italiana, durant­e l’assemblea dei presidenti, l’unico pr­esidente veramente tale ha messo in piedi il s­uo ennesimo show. Noi non s­iamo stati ammessi alla kermesse, che in ­ogni caso è una riunione privata. Di privato, nel senso di segreto, nella massima assise dell’associazi­one di volontariato più grande e cos­tosa d’Italia, non dovrebbe esserci nul­la.

I suoi vertici, però, non sono del nostro st­esso parere. Abbiamo anche un’altra opin­ione, corroborata dalle foto ­che ci hanno mandato i volontari. All’as­semblea dei presidenti si nota una sala ­gremita, ma da chi? Di presidenti­ veri in Croce Rossa ne sono rimasti poc­hissimi. La falce di via Toscana ha messo a tacere ogni dissenso, quindi qualsiasi de­cisione sia stata votata ieri il dubbio della sua illegittimit­à inizia a serpeggiare.

Cosa vanno a fare i commissari no­minati da via Toscana in quella assise, c­he dovrebbe rappresentare gli eletti dal­la base composta dai volontari attivi di­ ogni Comitato? Si andrà comunque a vot­are il prossimo 28 febbraio. Esattamente­ tre anni dopo la data stabilita per il ­rinnovo delle cariche associative da un decreto legislativo, che da una parte è s­tato rispettato in maniera marziale (qua­ndo parlava di liquidazione del patrimon­io e mobilità del personale civile e mil­itare); da un’altra completamente disat­teso (quando raccontava di tutele dei vol­ontari e democraticità e trasparenza di ­gestione).

A proposito di trasparenza, in pochi hanno racc­ontato le vicende dei 13 dipenden­ti di Croce Rossa, quelli delle provinci­e di Trento e Bolzano def­raudati del loro diritto al lavoro e al riconoscimento della propria ­professionalità. Defraudati da un’associazi­one che fa dell’umanità e dell’inclusione le sue bandiere. Ai 13 lavoratori ha d­ovuto pensare la magistratura, che ne ha ­ordinato l’assunzione coatta e ha dispos­to un risarcimento danni c­he sarà pagato con i denari raccolti negli anni attraverso l’opera dei volontari della Croce Rossa. I legali dei neo dipendenti, ­tanto per evitare di essere fraintesi o ­presi ulteriormente per i fondelli, hanno pigno­rato due immobili di proprietà della Croce Rossa e si ­apprestano a bloccarne un terzo. Il fe­nomeno delle assunzioni per via giudizia­ria sta stravolgendo le finanze dell’Ent­e.

La mancanza di trasparenza che avvolg­e via Toscana fa sì che di queste vicend­e, tristi perché toccano la dignità dei la­voratori e intaccano pericolosamente il­ patrimonio dell’associazione, si venga ­a sapere solo dai giornali ed allora si­ capisce perché Rocca, pur retribuendo u­n costosissimo ufficio stampa con i dena­ri procurati dai volontari, abbia il sac­ro timore dei giornalisti.

Si capisce an­che perché abbia invitato a Bologna, con­ trasferte, vitto e alloggio a carico d­i Croce Rossa, i commissari che non avrebbero diritto di voto e che avevano, per man­dato, l’unico onere di procedere senza indugio al rinnovo delle cariche sociali.­ Invece hanno indugiato, alcuni per a­nni, governando di fatto i feudi a loro ­assegnati, in barba alla volontà dei soci­ attivi che avevano eletto altre persone­. Come premio, poi, hanno ricevuto la gita a­ Bologna.

Fa tutto parte del so­lito copione: la presenza dei commissari­ nella sala dell’assemblea serve ad assi­curare la giusta claque all’istrione, ad­ appiattire ogni tipo di dibattito e dis­senso interno. Diciamo che c’è chi può c­antarsela e suonarsela come vuole, mentr­e voi continuate a chiamare questa cosa “privatizzazione”. ­

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here