Caro Direttore prima di tutto grazie grazie davvero per come il suo giornale si stia interessando al problema del 118, è una delle poche testate che è dalla nostra parte non ci abbandoni. Seguivo le interviste a Schittulli e all’ assessore regionale che sembravano scendere dalle nuvole vedendo il video del mio collega, eppure è stata sempre denunciata questa situazione ma tutti hanno sempre fatto l’orecchio da mercante. Purtroppo molte associazione sono nate proprio perché hanno fiutato il business (come dicevano i mafiosi americani) dietro questo servizio e chi era già esistente si è lasciato coinvolgere (vedi Oer bari) altri hanno fatto delle proposte oscene ai loro dipendenti come lasciare la tredicesima in beneficenza all’associazione. Quasi tutti ci tengono assunti in una fascia minore rispetto a quella che ci spetta infatti se si va a leggere il ccnl anpas noi dovremmo essere in fascia C mentre questi che fanno, per incassare loro più soldi ci hanno assunti in fascia B risparmiando un paio di cento euro a persona mentre loro dalla Regione prendono un compenso per ogni dipendente più o meno di 2500 euro e non parliamo dei lavoratori a nero (i soccorritori) i quali percepiscono un compenso in denaro per spese carburante sui 300 euro e 350 di buoni pasto ma dove s’è visto mai un volontario che ha dei turni regolari? Io ero un volontario dal 1987 fino al 2005 quando il 118 non esisteva e si faceva veramente volontariato. Dal 2007 sono un autista del 118 e di schifezze ne ho viste tante, ciò che denuncia il mio collega è giusto. Sa quanta gente ho istruito a fare i soccorritori? Gente che quando è venuta non sapeva neanche cos’era un saturimetro o un ago cannula o peggio ancora non sapeva eseguire correttamente un massaggio cardiaco o rimaneva di stucco davanti a un incidente grave dove serve veramente la collaborazione di tutti. A loro non ne faccio delle colpe in quanto è gente che ha bisogno di lavorare e che si è pagata i corsi di tasca propria, come abbiamo fatto noi, che dovrebbero essere a spese dell’associazione. C’è ancora tanto da dire sul 118 secondo me ma non solo qui c’è un mangia mangia generale (ecco perché chi dovrebbe vigilare chiude un occhio e a volte tutte due) SPERO, E LO SCRIVO IN GRANDE, SPERO CHE LA MAGISTRATURA COMINCI A METTERCI LE MANI INCARICANDO GUARDIA DI FINANZA, ISPETTORATI DI LAVORO E ALTRI ORGANI COMPERTENTI AD INDAGARE. VEDREMO GLI SCANDALI CHE USCIRANNO FUORI. Grazie ancora direttore e mi scusi per questo sfogo ma non ce la facciamo più.

10 gennaio 2013

La Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here