Nel territorio di Conversano la Guardia di Finanza ha individuato e sottoposta a sequestro una discarica abusiva di circa 25mila mq, all’interno dell’area interessata sono state abbandonate tonnellate di rifiuti indifferenziati e pericolosi, poste direttamente sul suolo senza copertura.

La complessa attività info-investigativa effettuata dai Finanzieri della Compagnia di Monopoli, ha consentito di localizzare una vasta area, di proprietà di una società di capitali, a lungo sfruttata come deposito incontrollato e non autorizzato di rifiuti speciali: ritrovate oltre 1.200 tonnellate di materiali, quali amianto contenuto in lastre di eternit, traversine ferroviarie, componenti ferrosi, numerosi oggetti di plastica, parti di veicoli fuori uso, pneumatici, materiale RAEE, senza adottare alcuna precauzione per la riduzione dei danni ambientali.

Nello specifico, l’intervento in loco ha rivelato su tale superficie anche la presenza di diversi fabbricati in stato di abbandono, privi di qualsiasi barriera che potesse impedirne l’accesso, in condizioni tali da rendere non sicura l’intera area limitrofa. Tale contesto è risultato particolarmente critico anche in ragione delle possibili infiltrazioni delle sostanze nocive dei rifiuti all’interno del sottosuolo e delle falde acquifere sottostanti.

Le Fiamme Gialle, per i reati di “attività di gestione di rifiuti non autorizzata”, “rovina di edifici o di altre costruzioni”, hanno proceduto al sequestro dell’intera area per la quale, i soggetti autori dei fatti, come previsto dal Testo Unico Ambientale, dovranno procedere alla rimozione dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi.

L’intervento dei Finanzieri ha avuto anche natura fiscale, con il recupero delle somme evase in materia di “ecotassa”, il tributo speciale relativo al deposito in discarica di rifiuti solidi che trova altresì applicazione qualora sia esercitata l’attività di discarica abusiva ovvero siano abbandonati rifiuti come nel caso di specie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here