Due birre made in Italy, la Unica e la Ipa, hanno vinto l’oro al Meininger’s International Craft Beer Award. Vincere fuori casa ha un sapore speciale. Vincere ben due medaglie d’oro non è una consuetudine. Vincere nella patria dove bere birra è una cultura, non ha alcun prezzo.

In Germania, a Neustadt, a sud di Francoforte, al Meininger’s International Craft Beer Award il made in Italy firmato Birra Morena ha entusiasmato novanta giudici che gli hanno assegnato ben due medaglie d’oro alla Unica e alla Ipa.

Con circa mille birre a concorso, per una tra le più importanti competizioni e degustazioni internazionali di birre artigianali. L’appuntamento ideale per conoscere e degustare le migliori craft beer, che stanno conquistando una fascia di mercato sempre più importante.

La Unica è una birra speciale, doppio malto aromatica, dal colore rosso tendente all’ambrato. Questa particolare birra è prodotta con malti locali, farina di castagne e numerose spezie che ne conferiscono un gusto vellutato, amabile, unico ed inconfondibile. Viene fermentata in cantina e rifermentata in bottiglia magnum da un litro e mezzo.

La IPA, invece, è una birra particolarmente luppolata, prodotta da ben dodici luppolature. Dal colore ambrato, amara ma gradevole, dal corpo morbido e fresco, con sentori agrumati, tropicali, floreali e speziati. Anche questa birra, speciale cruda non filtrata doppio malto, è fermentata in cantina e rifermentata in bottiglia.

Entrambe sono prodotte a Balvano, in provincia di Potenza, in uno stabilimento sorto nei primi anni ’80 e rilevato nel 1999 dalla famiglia Tarricone, dopo essere passato di proprietà in proprietà, da Prinz Brau a Birra Moretti, al Gruppo Labatt, a Interbrau ed in fine all’Heineken.

“Siamo fortemente soddisfatti di questo ennesimo riconoscimento per le nostre craft beer – spiegano con soddisfazione i Tarricone titolari del birrificio Birra Morena – ancor più contenti perché, con questo ennesimo riconoscimento, ora tutte le nostre craft beer sono state premiate con il massimo riconoscimento nei più importanti concorsi mondiali”.

 

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here