“Non faccio parte della mafia, faccio parte del mio pubblico”. La risposta di Daniele De Martino non è tardata ad arrivare. Il cantante neomelodico siciliano si rivolge soprattutto alla stampa e non ha nulla da dire contro il sindaco di Acquaviva, Davide Carlucci, che ha bocciato il suo concerto durante la sagra della cipolla perché i testi di alcune canzoni, secondo lui, richiamerebbero alla mafia.

“Cari giornalisti, io sono un giovane che si è fatto da solo. Canto per i bambini, per le copie che si sono innamorate grazie alle mie canzoni, non ho nulla a che fare con la mafia e con la violenza. Sono molto deluso dalle vostre parole, cattive e false pur di vendere una copia in più. Mi avete dato del mafioso ma non è vero. Immaginate se le cose che avete scritto fossero state rivolte ai vostri figli. Provate qualche volta a fare del bene e non solo del male. Sono molto cattolico e praticante – conclude Daniele – la mia fede in Dio mi da la forza di perdonare, ma cercate di non scrivere solo cose brutte, scrivete anche cose belle, non fa mai male”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here