Next Generation Award, prima tappa al Mat di Terlizzi: ospiti i milanesi Studio Murena

Il MAT Laboratorio Urbano ospiterà la prima tappa del #nextgenerationmusicaward 2024 con le performance della vincitrice kris lacara, insieme ai finalisti Martina Giuliani e Vito Topputo.
Questa iniziativa non solo celebra il talento giovanile, ma anche la collaborazione e il supporto della comunità artistica pugliese, offrendo uno spazio di crescita e valorizzazione per le nuove generazioni.
Kris Lacara , musicista e cantautrice autodidatta, dal sapore Rock Melodico, si ispira ad artisti come Avril Lavigne ed Harry Styles. La scrittura è una delle sue grandi passioni.
Martina Giuliani, talentuosa cantautrice e musicista originaria di Noicattaro.

Vito Topputo, giovane musicista classe 2004, con la passione per il cantautorato italiano e per il rock alternativo estero.

A concludere la serata l’atteso concerto di “Studio Murena”, band electronic jazz – hip hop originaria di Milano.

Caos voli, aerei in ritardo oggi per down Microsoft: a rischio orari e partenze

Oggi il traffico aereo mondiale è stato gravemente colpito da un’interruzione informatica globale che ha messo in difficoltà molti aeroporti e compagnie aeree, causando ritardi e cancellazioni dei voli in partenza e in arrivo, compresi quelli in Italia.

Gli Aeroporti di Roma hanno dichiarato in una nota: “Nonostante i nostri sistemi non siano stati direttamente colpiti, stiamo registrando ritardi e cancellazioni a causa di un problema informatico globale. Consigliamo ai passeggeri di verificare lo stato del proprio volo con la compagnia aerea o sul nostro sito www.adr.it.”

Ita Airways ha comunicato che “un problema informatico generalizzato a livello mondiale sta causando significativi disservizi al trasporto aereo, con conseguenti ritardi e cancellazioni. Stiamo lavorando per minimizzare i disagi per i passeggeri. Per aggiornamenti, consultare l’app e il sito ufficiale ita-airways.com.”

Ryanair ha avvertito di “possibili disagi su tutta la rete oggi (19 luglio) a causa di un’interruzione globale del sistema di parti terze.” La compagnia ha invitato i passeggeri a controllare l’app Ryanair per aggiornamenti sul volo e a presentarsi in aeroporto con tre ore di anticipo. “Prenotazione e check-in non sono attualmente disponibili. Se dovete partire oggi e non avete ancora effettuato il check-in, potete farlo in aeroporto.”

Anche Aeroitalia ha segnalato disagi a causa del guasto informatico globale, invitando i passeggeri a consultare il sito web per aggiornamenti continui.

Wizz Air ha suggerito ai passeggeri di raggiungere gli aeroporti con almeno tre ore di anticipo a causa dei potenziali disagi causati dall’interruzione globale dei sistemi IT di terze parti. “Come tutte le compagnie aeree oggi, stiamo affrontando enormi sfide tecniche a causa dell’interruzione dei sistemi IT globali. I clienti potrebbero riscontrare disagi con i servizi del sito web e dell’app mobile temporaneamente non disponibili. Il check-in gratuito è disponibile in aeroporto”, ha spiegato la compagnia.

Questo problema informatico ha evidenziato la vulnerabilità delle infrastrutture tecnologiche nel settore del trasporto aereo e la necessità di sistemi di backup robusti per garantire la continuità dei servizi. Le compagnie aeree e gli aeroporti stanno lavorando senza sosta per ripristinare la normalità e fornire assistenza ai passeggeri coinvolti.

Salento, continuano i malori in spiaggia: muore un sub di 57 anni

Ancora una tragedia nelle acque dello Ionio. Giovanni Negro, 57 anni, di Seclì, è morto durante una battuta di pesca subacquea a Santa Caterina, frazione di Nardò. L’uomo, immerso sui fondali per attività sportiva, è stato colpito da un malore improvviso. Alcuni bagnanti hanno notato il suo corpo galleggiare e hanno immediatamente lanciato l’allarme.

La guardia costiera, insieme agli operatori del 118, è intervenuta tempestivamente con una motovedetta. Tuttavia, nonostante i tentativi di rianimazione, per il sub non c’è stato nulla da fare. La polizia locale è stata informata dell’accaduto e il magistrato di turno ha disposto la restituzione della salma ai familiari.

Questa è la seconda tragedia nelle acque dello Ionio in appena 24 ore. Ieri, a Torre Vado, un uomo di 42 anni è morto per un infarto mentre era in sella a uno scooter d’acqua. Un mese fa, un altro sportivo ha perso la vita a Punta Suina di Gallipoli durante un’attività di diving, probabilmente a causa di un’embolia polmonare.

USA, continua lo show Trump alla convention: “Sono stato salvato da Dio, sarò presidente di tutta l’America”

Donald Trump ha accettato formalmente la nomination repubblicana per le elezioni presidenziali del 5 novembre 2024, promettendo di essere il presidente di tutta l’America, non solo di una parte. Nel suo discorso alla convention, ha ripercorso l’attentato subito a Butler, in Pennsylvania, dove è stato ferito all’orecchio destro da un cecchino. Ringraziando Dio per la sua salvezza, Trump ha dichiarato che non parlerà più dell’attentato poiché troppo doloroso.

Trump ha espresso fiducia in una “incredibile vittoria” nelle elezioni di novembre e ha criticato duramente l’amministrazione Biden, menzionando l’attuale presidente solo una volta per accusarlo di aver fatto “danni incredibili”. Ha promesso di fermare l’invasione di migranti, rilanciare l’economia, e ripristinare legge e ordine nelle strade.

Durante il discorso, Trump ha ricordato l’attentato a Butler, descrivendo dettagliatamente l’accaduto e ringraziando il Secret Service per averlo protetto. Ha sottolineato il sostegno del pubblico presente durante l’attacco e ha attribuito la sua salvezza alla protezione divina. Trump ha anche commemorato Corey Comperatore, un ex pompiere ucciso durante l’attacco, abbracciando un’uniforme da vigile del fuoco tra gli applausi del pubblico.

Trump ha delineato la sua visione per gli Stati Uniti, promettendo di riportare prosperità e sicurezza al paese. Ha annunciato una grande operazione di deportazione per contrastare l’immigrazione illegale e ha criticato la politica estera dell’amministrazione Biden, sostenendo che sotto la sua presidenza non ci sarebbe stata la guerra tra Russia e Ucraina.

Inoltre, ha rivendicato i successi ottenuti durante il suo precedente mandato, inclusa la sconfitta dell’ISIS e le relazioni diplomatiche con la Corea del Nord. Trump ha concluso il discorso con un appello all’unità e alla speranza per il futuro degli Stati Uniti, promettendo di combattere per il popolo americano e di ripristinare il sogno americano.

Infine, si è appreso che Trump e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky hanno in programma un colloquio telefonico oggi, il primo contatto da quando Trump ha lasciato la Casa Bianca.

Bari, continua l’emergenza furti a Pane e Pomodoro: effetti personali ogni giorno a rischio. Ora anche estorsioni.

La spiaggia di Pane e Pomodoro, una delle mete più amate dai baresi, continua a essere teatro di furti e scippi. Non ultimo il furto subito da due sedicenni a cui sono stati rubati gli zaini mentre si trovavano in acqua. Ma l’elenco è lungo, tra borse, telefonini, teli da mare, senza che però nessuno si sia accorto di nulla, ma le telecamere di sorveglianza?

Per l’ultimo furto però l’aggressore è stato individuato, un uomo di nazionalità nordafricana già noto per frequentare la zona tra il lido e il lungomare, ha approfittato dell’assenza dei ragazzi per afferrare gli zainetti e fuggire. Le grida dei volontari del Comitato di cittadinanza attiva di Pane e Pomodoro hanno richiamato l’attenzione degli agenti della Polizia locale, presenti sulla spiaggia con pattuglie in divisa e agenti in borghese.

Grazie al sistema di geolocalizzazione dei cellulari lasciati negli zaini, gli agenti sono riusciti a individuare la posizione dei dispositivi nella zona di via Amendola, recuperando così gli oggetti rubati. Pare che l’autore del furto sia stato identificato. Ironia della sorte, poco prima del furto, uno dei volontari aveva avvertito i ragazzi di non lasciare incustoditi i propri effetti personali.

La situazione a Pane e Pomodoro è preoccupante, con ladri e borseggiatori che agiscono in maniera organizzata e sistematica. Oltre ai furti, si stanno verificando anche casi di estorsione. Martedì scorso, la Polizia locale ha arrestato un giovane di 24 anni che, dopo il furto della borsa di due turisti ucraini, si era offerto di recuperarla in cambio di una ricompensa. Seguito dagli agenti, l’uomo è stato sorpreso in una strada vicina al lido con la borsa rubata. Accusato di ricettazione e tentata estorsione, il giovane, senza fissa dimora ma residente a Bari, è stato arrestato e si cerca un eventuale complice.

Nonostante l’emergenza, la presenza delle forze dell’ordine sta riuscendo a contenere la criminalità. Negli ultimi otto giorni, la Polizia locale ha portato a termine con successo cinque interventi, dimostrando l’impegno delle autorità nel garantire la sicurezza sulla spiaggia di Pane e Pomodoro.

Bari, aggressione all’autista del bus: interviene la Polizia e l’Esercito

Una tranquilla mattina si è trasformata in un episodio di violenza su un autobus di collegamento a lunga tratta in via Capruzzi. Poco dopo le 14, un uomo ha aggredito verbalmente e poi fisicamente l’autista del mezzo, costringendo all’intervento una pattuglia mista di Polizia ed Esercito.

La lite, secondo le prime ricostruzioni, sembra essere scaturita da questioni futili legate alle operazioni di sbarco dei passeggeri al termine del viaggio. La situazione è rapidamente degenerata, con l’aggressore che ha perso il controllo, costringendo i militari e gli agenti ad intervenire per evitare ulteriori conseguenze.

L’aggressore, apparentemente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, ha opposto resistenza anche agli agenti, rendendo necessario l’impiego di più uomini per immobilizzarlo. Successivamente, l’uomo è stato accompagnato presso la sede del Reparto Operativo della Polizia Ferroviaria in Piazza Moro, dove è stato trattenuto. Durante la perquisizione del suo bagaglio, sono state cercate eventuali dosi di sostanze stupefacenti.

L’uomo, che presenta piccoli precedenti di polizia, è stato trattenuto per ulteriori accertamenti. L’incidente sottolinea ancora una volta le difficoltà e i pericoli che gli autisti degli autobus devono affrontare quotidianamente, diventando spesso valvola di sfogo per passeggeri irrequieti e violenti.

Trenitalia, un guasto blocca il Frecciargento Lecce-Roma: molti disagi per i viaggiatori soprattutto per il caldo

Momenti di disagio per i passeggeri del Frecciargento 8314 Lecce-Roma, bloccato a causa di un guasto nei pressi di Trinitapoli, nella provincia di Barletta-Andria-Trani. Il convoglio, partito da Lecce alle 11:15 con arrivo previsto a Roma Termini alle 16:55, ha interrotto la sua corsa attorno alle 14:30, lasciando i viaggiatori sotto il sole cocente.

Il guasto ha causato notevoli disagi, aggravati dalle elevate temperature estive. Tuttavia, l’intervento tempestivo ha permesso ai passeggeri di proseguire il loro viaggio: sono stati trasferiti sul Frecciarossa 9808 Lecce-Torino Porta Nuova, partito da Lecce alle 12:06 e diretto a Torino con arrivo previsto alle 21:50. Da Trinitapoli, il Frecciarossa ha condotto i passeggeri fino a Foggia, da dove hanno potuto proseguire verso le loro destinazioni finali.

L’incidente ha messo in luce ancora una volta le criticità della rete ferroviaria italiana, soprattutto durante il periodo estivo, quando l’afflusso di viaggiatori aumenta significativamente. Le autorità ferroviarie hanno assicurato che verranno effettuati tutti i controlli necessari per evitare il ripetersi di simili inconvenienti in futuro.

Bari, inchiesta sulla costruzione dell’ospedale Covid: dieci indagati per corruzione e falso

La Guardia di Finanza di Bari ha notificato un avviso di conclusione delle indagini a dieci persone nell’ambito di un’inchiesta della Procura sulla costruzione dell’ospedale Covid in fiera e su oltre 250 procedure ad evidenza pubblica per un valore complessivo di circa 100 milioni di euro. Gli indagati, tra cui spiccano i nomi di Mario Lerario e Antonio Mercurio, sono accusati di vari reati, tra cui corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, peculato, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e turbata libertà degli incanti.

Le indagini si concentrano principalmente su presunte irregolarità nelle procedure di gara per l’ospedale Covid in fiera a Bari, la cui base d’asta era di circa 9,6 milioni di euro. Secondo quanto emerso, Lerario, all’epoca dirigente ad interim della sezione protezione civile della Regione Puglia, e Mercurio, responsabile unico del procedimento, avrebbero manipolato la scelta del contraente tramite mezzi fraudolenti. In particolare, avrebbero inserito nella lettera di invito, trasmessa a sei ditte selezionate tramite un sorteggio pubblico non documentato, un algoritmo per il calcolo del punteggio dell’offerta economica. Questo algoritmo avrebbe avuto l’effetto di annullare la rilevanza del prezzo nella formazione della graduatoria di gara. Inoltre, Lerario e Mercurio, insieme a un altro membro della commissione di gara, avrebbero attribuito punteggi anomali all’impresa da loro favorita.

La Guardia di Finanza ha inoltre evidenziato una situazione di incompatibilità in cui si trovavano Lerario e Mercurio, rispettivamente presidente e componente della commissione di gara. Lerario era stato già arrestato in flagranza nel dicembre 2021 per aver ricevuto una tangente in cambio di appalti, e la sua condanna è stata recentemente ridotta dalla Corte d’Appello di Bari a quattro anni e quattro mesi di reclusione, rispetto ai cinque anni e quattro mesi inizialmente inflitti.

L’inchiesta, che ha scosso profondamente la comunità locale e le istituzioni regionali, continua a suscitare preoccupazione per la gestione dei fondi pubblici e l’integrità delle procedure di appalto.

Libro Possibile 2024, da martedì 23 luglio al via gli appuntamenti a Vieste: qui tutti gli ospiti attesi

Where is the love?’/‘Dov’è l’amore?’: dal 23 al 27 luglio 2024 si trova a Vieste (Fg), con la seconda parte della XXIII edizione del Libro Possibile 2024. Il titolo del successo musicale del 2003 firmato dalla band americana Black Eyed Peas, quest’anno fa da tema agli incontri del festival nelle piazze. Autentico manifesto pop contro violenze, razzismo e diseguaglianze, il brano chiedeva dove fosse finito l’amore in una società dominata da guerre e denaro. Un quesito quanto mai attuale, a cui sono chiamati a rispondere con i loro interventi tutti gli ospiti del Libro Possibile. La scelta di un titolo in inglese è in linea con l’obiettivo del festival di stimolare un dibattito sempre più ampio e costruttivo, che coinvolga autori di fama internazionale e includa anche i tanti turisti dal mondo che affollano la Puglia in estate.

La splendida località del Gargano, da quattro anni ulteriore palcoscenico d’elezione per gli eventi vista mare a Marina Piccola, per cinque serate si prepara ad accogliere una pluralità di voci di altissimo profilo istituzionale e culturale, tra cui: i ministri Carlo Nordio e Giuseppe Valditara, il Premio Strega 2024, Donatella Di Pietrantonio, il pluripremiato scrittore greco Petros Markaris, l’autore best seller Diego De Silva e l’attivista iraniano Taghi Rahmani a cui è affidato l’incontro di apertura a Vieste.

 

MARTEDÌ 23 LUGLIO

Si comincia dunque il 23 luglio alle ore 21: Rosella Santoro, direttrice artistica del Libro Possibile, presenta sul palco, il ‘giornalista e attivista più arrestato dell’Iran’, (ben 14 volte), nonché marito del Premio Nobel per la Pace 2023, Narges Mohammadi. La ‘leonessa dellIran, come la chiamano le donne della sua terra, attualmente si trova nella prigione di Teheran, con una condanna a oltre 12 anni di reclusione inflitta dal regime degli Ayatollah, con l’accusa di ‘propaganda contro la Repubblica islamica dell’Iran’. Il 16 aprile in Italia è stata pubblicata la versione tradotta del libro di Narges Mohammadi, ‘Più ci rinchiudono, più diventiamo forti’ (Mondadori). Il marito Taghi Rahmani vive da esule in Francia assieme ai due figli gemelli quasi maggiorenni. Non smette di ricordare pubblicamente l’impegno della moglie nel far conoscere la situazione dell’Iran nel mondo e la costante violazione dei diritti umani. Giornalista indipendente, scrittore iraniano e professore universitario, Rahmani ha trascorso un totale di 16 anni in carcere per le sue inchieste sul regime, ha più volte lanciato appelli alla comunità internazionale affinché si opponga e delegittimi il regime teocratico. ‘Oggi nessun iraniano – scrive Rahmani commentando le recenti elezioni in Iran – pensa che votando si arrivi alla democrazia. Quelli che votano lo fanno

 

solo perché sperano che la loro situazione economica migliori ma non possono essere elezioni vere quelle che si svolgeranno in un Paese come il nostro, in cui ci sono forti discriminazioni di genere, di razza e anche religiose”. Sul palco con Rahmani, interviene la giornalista iraniana e ricercatrice senior in Storia Contemporanea presso l’Università dell’Insubria, Farian Sabahi, autrice di saggi di storia sull’Iran, sullo Yemen, dei reportage ’Unestate a Teheran’ e ’Islam: lidentità inquieta dellEuropa’, del reading teatrale ‘Noi donne di Teheran’, nonché di ‘Esilio(Jouvence, 2014), libro-intervista al premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi. Modera Stefania Pinna, giornalista di SkyTg24.

La serata prosegue alle ore 22.15: Giorgia Messa giornalista e responsabile Relazioni Esterne del Libro Possibile, presenta l’inedito concerto-spettacolo ‘Love Letters…il vento ci porterà via’, declinato sul tema di questa edizione, ‘Where is the love?’ e pensato come omaggio alla figura di Narges Mohammadi e al suo impegno per la libertà per le donne in Iran. La poesia civile di Cosimo Damiano Damato incontra la canzone d’autore di Simona Molinari. Poeta, drammaturgo e regista cinematografico e teatrale, lo scrittore di ‘HASTA sempre MARADONA’ (Aliberti), si esibisce sul palco con la splendida cantautrice jazz e swing, accompagnata alla chitarra da Egidio Marchitelli, mentre Lucia Scarabino, prima ballerina della notte della Taranta, scandisce la narrazione sul palco a passo di danza. Il recital parte proprio dagli haiku e le poesie di due grandi autori iraniani: Abbas Kiarostami a Forough Farrokhzad. La cultura rigida e patriarcale che rivendica nel fondamentalismo religioso le sue leggi morali continuano ad ammazzare le donne che lottano per la libertà in Iran e le poesie di Farrokhzad sono ancora oggi la speranza per quelle donne che resistono. “Sento che il mio tempo è finito/ sento che l’istante solo è la mia parte delle pagine della storia/Sento che il tavolo è una distanza artificiale fra i miei capelli/e le mani di questo triste sconosciuto/Dimmi qualcosa/ chi ti dona la tenerezza di un corpo vivo/cosa altro desidera da te se non sentirsi vivo? […]”.

Damato racconta storie di poeti, di rivoluzioni, resistenze e di amori, rivelando la sensualità e l’impegno civile, la sacralità esistenziale, le inquietudini, l’erotismo, il dolore, le battaglie per i diritti umani, disegnando immaginifiche stanze su quel giardino segreto dove cantare l’amore contro ogni guerra celebrando la libertà. Il viaggio della poesia civile e d’amore continua con i versi di Izet Sarajlić, la storia di André Gorz ed ancora Erri De Luca, Alda Merini ed i monologhi inediti “Love letters” e “Libri” dello stesso Damato e “Becky Moses” scritto a quattro mani con l’indimenticata firma del “Fatto Quotidiano” e di “Domani” Enrico Fierro.

 

 

MERCOLEDÌ 24 LUGLIO

Seconda giornata di programmazione fitta di ospiti e incontri. Il 24 luglio la serata si apre nel segno di un amore di lunga data con un autentico amico del festival: Dario Vergassola. Il comico, cantautore e scrittore ligure oltre a presentare i suoi libri, è un presenza fissa sin dalle prime edizioni del Libro Possibile, che intrattiene e diverte il pubblico con le sue immancabili incursioni sagaci sui palchi, con cui sottopone alcuni ospiti alle sue ‘interviste impossibili”. A Vieste, alle ore 20, Vergassola interviene in qualità di

autore di #Liguria, terra di mugugni e di bellezza‘, (Mondadori Electa), su misteri e bellezze liguri, attraverso itinerari meravigliosi che la attraversano da Ponente a Levante. Ironico e spietato con i difetti ma anche ignaro degli innegabili benché sconosciuti pregi dei liguri l’autore fa scoprire gli angoli più nascosti, gli scorci più ambiti, le leccornie dolci e salate a cominciare, naturalmente, dalla mai troppo decantata focaccia. Coste e crinali, sentieri e calette, ville e giardini, palazzi e chiesette vengono svelati dall’occhio esperto e dalla scrittura graffiante di un vero innamorato di questa splendida regione. Un prezioso

 

vademecum per tutti i foresti – come vengono chiamati dai locali quelli che non sono nati in Liguria –, una guida per la sopravvivenza divertente e ricca di dritte imperdibili. Presenta Rosella Santoro, direttrice artistica del Libro Possibile.

Where is the love?’: per Michele Ainis e Luca Sommi, l’amore si trova nelle leggi fondanti dell’ordinamento giuridico della Repubblica italiana. Fra i più noti costituzionalisti italiani il primo e giornalista e critico di arte e letteratura il secondo, i due autori, in dialogo sul palco del Libro Possibile alle ore 20.40, tributano con i loro libri la Costituzione italiana, dichiarando un vero e proprio atto di amore verso il la nostra carta costituente. Ainis professore di Diritto Pubblico, nel suo saggio #Capocrazia‘ (La Nave di Teseo), analizza il presidenzialismo, la grande riforma annunciata dal Governo Meloni. Ainis esplora le implicazioni di questa proposta, mettendo in discussione la sua efficacia nel contesto

italiano, caratterizzato da una storia di riforme mancate e una cultura politica dominata dalla capocrazia che regola la vita dei partiti, divenuti feudi di uomini soli al comando. Per riportare ordine nella nostra democrazia malata, bisogna allora riprendere in mano la Costituzione e tornare a interpellare gli italiani (che ormai disertano le urne con sfacciata abitudine), come fecero i padri costituenti che ci appaiono oggi giganti che guardiamo da troppo lontano. Fa eco Luca Sommi, che con ‘La più bella Breve corso per amare la

Costituzione” (Baldini+Castoldi) ha concepito un atto devozione verso la Carta costituzionale italiana. Il libro nasce come guida per districarsi nella scottante e attuale querelle intorno alla necessità di riforme costituzionali. Il breve corso di ‘educazione alla bellezza’ proposto dal giornalista di Accordi & Disaccordi mira, dunque, a diffondere rispetto e amore verso il documento fondamentale su cui si è costruito e sviluppato il nostro Paese.

Alla luce di quanto sta accadendo nel mondo, viene da chiedersi che fine hanno fatto i principi inviolabili di dignità umana, uguaglianza e solidarietà che sono terreno comune della politica così come dell’amore? Anche alcune delle più alte figure istituzionali attualmente in carica nel nostro Paese rispondono al tema di questa edizione: ‘Where is the love?”

Alle ore 21.20 il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, professore ordinario di istituzioni di diritto romano, nonché coordinatore del think tank Lettera150, a febbraio di quest’anno ha pubblicato ‘La scuola dei talenti” (ed. Piemme). Nel testo il ministro riflette sul ruolo della scuola nella società di oggi e del futuro. Persona, Costituzione, libertà, talento, sapere, autorevolezza, merito, rispetto, impegno, responsabilità, lavoro sono le parole chiave su cui deve poggiare la scuola, i cardini di uno sforzo educativo collettivo e di una didattica nuova. La scuola deve saper svolgere certamente un’azione maieutica, con al centro lo studente, le sue inclinazioni e passioni, affinché possa costruirsi come persona nella comunità, e allo stesso tempo ribadire

l’autorevolezza dell’insegnante e la sua funzione pedagogica. Con un’analisi molto attenta dei dati a disposizione, il Ministro analizza le virtù della scuola italiana, ma anche le molte criticità, i problemi legati alla dispersione scolastica, al perduto prestigio sociale ed economico del corpo docente, evidenziando le riforme attuate e quelle future. Un libro necessario e utile per tutti, docenti, studenti, cittadini, perché la scuola dà un futuro ai nostri giovani, forza e prosperità al nostro Paese. Modera Stefania Pinna giornalista Skytg24.

Ci può essere amore anche in assenza di gravità? Alla domanda risponde l’astronauta italiano Walter Villadei, da pochi mesi rientrato dallo spazio, dove per 23 giorni ha condotto la missione Axiom 3 sulla Stazione spaziale internazionale. Il cosmonauta, alle

ore 21.50 atterra’ sul palco del Libro Possibile a Vieste per raccontare la sua esperienza tra le stelle e analizzare il ruolo dell’Italia nelle missioni spaziali. I progressi della tecnologia stanno modificando la stabilità del dominio nello spazio per l’inserimento di potenze emergenti, Stati che cercano di acquisire tecnologie militari e compagnie private che investono in tecnologie extraterrestri. E non solo. Il progetto Axiom 3 si propone di studiare gli effetti dell’assenza di gravità sull’organismo umano attraverso lo studio di piccole molecole di RNA nei fluidi corporei degli astronauti, con l’obiettivo di sviluppare

un modello predittivo per la diagnosi della salute degli astronauti durante le lunghe missioni di esplorazione spaziale, avvalendosi anche di algoritmi di Intelligenza Artificiale. Lo studio riguarda anche il funzionamento del cuore e dei suoi battiti d’amore. Presenta Marta Meli, Skytg24.

Altrettanto ‘cosmico’ è l’incontro in programma alle ore 22.20 tra due autentiche stelle della narrativa in giallo: Petros Markaris e Diego De Silva. I due pluripremiati giallisti di fama internazionale, i cui romanzi oltre a essere tradotti in diverse lingue, hanno dato vita a serie TV crime diventate autentici cult, sono protagonisti dell’inedito faccia a faccia ‘Fiction e Letteratura’ pensato in esclusiva per il Libro possibile.

Petros Markaris, famoso autore greco di romanzi polizieschi ambientati ad Atene, ‘padre” del commissario Kostas Charitos, il ‘Montalbano di Atene“, incontra Diego De Silva, amato creatore dell’avvocato Malinconico, protagonista di sei libri e di una serie TV di successo interpretata da Massimiliano Gallo. Tra indizi comuni e peculiarità dei loro personaggi, i due scrittori fanno il punto sulle dinamiche di contaminazione tra libri e tv. Dalle pagine allo

schermo, la fiction si #letteraturizza’, riprendendo, nella serialità, la struttura del feuilleton ottocentesco, e il romanzo si ricodifica adottando ritmi narrativi più rapidi. Diego De Silva e Petros Markaris assieme sul palco #iLP24 ragionano sugli effetti di questa interessante ibridazione e annunciano le novità che riguardano Markaris con il libro ‘La violenza dei vinti – Una nuova indagine di Kostas Charitos‘ (Nave di Teseo) e il debutto di Kostas nella nuova serie TV, targata RAI 2 e la prossima stagione televisiva dell’avvocato d’insuccesso Maliconico di De Silva pronto uscire a settembre con un nuovo libro.

A quarant’anni dalla morte di un leader politico amatissimo come Enrico Berlinguer, Marcello Sorgi, ex direttore e oggi editorialista del La Stampa, ha scritto un autentico tributo alla memoria dell’iconico leader del PCI, con ‘San Berlinguer. Lultimo capo del popolo comunista‘ (ed. Chiarelettere). L’autore lo presenta alle ore 23.00 ripercorrendo la parabola politica di Berlinguer, segretario del PCI dal 1972 al 1984, dal compromesso storico con la DC agli anni del distacco dall’Unione Sovietica fino alla sua prematura morte. Contrapponendo storia e leggenda, l’autore offre una lettura inedita della leadership di Berlinguer, avvalendosi della propria testimonianza diretta e dei ricordi di figure chiave dell’epoca. Un’occasione per riflettere sul lascito di Berlinguer e sul ruolo della sinistra italiana nel panorama politico attuale. Presenta Giancarlo Fiume caporedattore TgR Puglia.

Vittorio Sgarbi chiude gli incontri della seconda serata alle ore 23.30 con una lectio magistralis dal titolo ‘Arte e fascismo. Nellarte non c’è fascismo. Nel fascismo non c’è arte’, che segue il filone di studio sul tema proposto dal critico nella mostra tenutasi ad aprile a Rovereto e dal 2 luglio, in tutte le librerie, con l’ultimissimo libro eponimo edito da La Nave di Teseo. Da un passaggio della prefazione di Pierluigi Battista si legge: ‘Vittorio Sgarbi segue il filo dellarte in una storia che inizia prima del Fascismo, che dentro il ventennio cresce, e dopo il Fascismo viene spazzata via insieme alla naturale condanna del regime. Sgarbi distingue lespressione artistica dal potere e per questo, a fianco di de Chirico, Morandi, Martini, salva dalloblio Wildt, Guidi, la grande stagione dellarchitettura e della grafica, ma anche Depero, il Futurismo e oltre, fino alla rivelazione di due scultori formidabili mai apparsi allonore della critica, Biagio Poidimani e Domenico Ponzi’.

GIOVEDI 25 LUGLIO

Il 25 luglio apre gli incontri della serata un dialogo a due voci tra Carlo Cottarelli ed Elsa Fornero. L’attuale direttore dell’osservatorio sui Conti Pubblici delluniversità Cattolica di Milano, e l’ex Ministra del Lavoro e delle politiche sociali nel Governo Monti, che ha sempre saputo mettere l”umanità al centro del suo impegno e del dibattito economico italiano, alle ore 20.15, si confrontano sul tema !Formazione per il futuro dei giovani&” Ex senatore e incaricato di formare un governo durante una crisi istituzionale senza precedenti, Cottarelli è convinto che il tanto auspicato cambiamento della società odierna può avvenire solo ad opera delle giovani generazioni. Per questa ragione, ha ideato e organizzato il Programma Peses, Programma di Educazione per le Scienze Economiche e Sociali, promosso dall’università Cattolica del Sacro Cuore. “Presto sarete di fronte a delle scelte ai fini del vostro lavoro – ha ammonito l’ex ministro Fornero in un recente incontro con giovani studenti – ogni scelta ha delle implicazioni economiche e ricordatevi che se non saprete gestire le vostre risorse vi esporrete al rischio di perdere tutto”. Cruciali sono dunque i temi affrontanti che riguardano il capitale umano, il calo demografico, la produttività, risparmio e investimento, e ovviamente il funzionamento del sistema pensionistico. Presenta Giancarlo Fiume caporedattore TgR Puglia.

La Giustizia è al centro del dibattito politico nel nostro paese che sta affrontando un grave periodo di emergenza carceri tra suicidi e rivolte. “Mama, mama, mama, tell us what the hell is goinon? / Mamma dicci cosa diavolo sta succedendo? chiederebbero i Black Eyed Peas, e il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, prova a rispondere fornendo un quadro generale sulla Giustizia in Italia intervenendo alle ore 21, in dialogo con il viceministro

della Giustizia Francesco Paolo Sisto. L’intervento di Nordio partirà dalla sua ultima

pubblicazione ‘Giustizia ultimo atto. Da Tangentopoli al crollo della magistratura’ (Guerini e Associati). ‘A trent’anni da Tangentopoli, siamo ben lontani dal progetto di ripristinare la legalità nelle istituzioni – scrive il capo del dicastero – Oggi, dopo gli ultimi scandali emersi nella Procura di Milano, le faide tra le correnti interne e gli innumerevoli episodi di protagonismo dei Pm, non solo la percentuale è crollata, ma a documentare la sfiducia dei cittadini è anche un mezzo milione di firme raccolte per il referendum «Giustizia giusta». Occorre una rivoluzione copernicana del sistema giudiziario, perché il tempo sta per scadere. Siamo ormai all’ultimo atto’. Intervista a cura di Stefania Pinna di Skytg24.

Alle ore 21.50 incontro a due voci sui nuovi scenari politici nazionali e internazionali, imposti dalle elezioni in corso in Europa e nel mondo con il fondatore del Fatto Quotidiano, Antonio Padellaro, adesso in libreria con #Solo la verità. Lo giuro. Giornalisti artisti pagliacci, (Piemme) e l’editorialista, ex senatore e direttore del Tg1, Augusto Minzolini. Le due firme del giornalismo, prendendo spunto dal libro di Padellaro, approfondiscono soprattutto l’aspetto della narrazione giornalistica dei fatti che riguardano l’Europa alla luce dei meccanismi che governano la notizia e i retroscena che spesso l’accompagnano. Modera Stefania Pinna di Skytg24.

 

Oggi come vent’anni fa cantavano i Black Eyed Peas, ‘People killin/people dyinLa gente uccide/la gente muore&” Succede da anni a Gaza e in Ucraina. Alle ore 22.30 ne parla il professore della LUISS Alessandro Orsini con il suo ‘Ucraina Palestina. Il terrorismo di Stato nelle relazioni internazionali’ (Paper First). In questo nuovo libro, Alessandro Orsini parla della guerra in Ucraina e del bombardamento di Gaza attaccando i luoghi comuni e

le fake news diffuse dai media dominanti. Con la sua prosa semplice e diretta, Orsini

ricorre alla teoria sociologica per fornire una nuova interpretazione delle guerre in corso, mettendo in crisi gli schemi mentali con cui l’uomo eurocentrico – che vive di pregiudizi e frasi fatte – percepisce, giudica e valuta la politica internazionale. Il libro introduce, per la prima volta in Italia, la letteratura sul terrorismo di Stato che Orsini applica al caso d’Israele. Presenta Giorgia Messa, giornalista e responsabile Relazioni Esterne il Libro Possibile.

Chiusura di serata alle ore 23.15 nel segno dell’intrattenimento televisivo con la conduttrice Rai Caterina Balivo e Angelo Mellone, direttore del Day Time delle reti ammiraglie della Rai, figura chiave nel mondo televisivo e non solo. Insegna comunicazione in varie università e si dedica alla scrittura di poesie. Il suo libro #In fin dei conti. Capitoli di una messinscena‘ (CartaCanta, 2023) è diventato anche un recital teatrale, accompagnato da musicisti, che ha portato in tour a Napoli e in altre città italiane.Se mancano le parole/ mi sento povero,/ un inutile mammifero» dice a un certo punto l’autore di questa “messa in scena” di testi ritmici, poetici, patetici, atletici. Testi che vanno in diverse direzioni tematiche e psicologiche, testi-sismografo di una vita intensa e ferita, radicale e sparsa. Il modo spudorato in cui queste ritmate ballate illustrano la vita (o meglio il suo rovescio verbale, il suo coro, il concerto o quasi colonna sonora d’accompagnamento) è, come dichiara subito, da lettura scenica o a voce alta.

VENERDI 26 LUGLIO

A Vieste è attesa la seconda lectio magistralis di Umberto Galimberti, dopo quella di Polignano a Mare. Intellettuale di riferimento della filosofia e della psicanalisi in Italia, il professore della Ca’ Foscari di Venezia, alle ore 19.45, propone #Le cose dellAmore: Eros e follia’. Galimberti esplora il significato del #ti amo’, e affronta i temi del desiderio,

idealizzazione, dipendenza e follia legati all”amore. La lectio di Galimberti promette di offrire una riflessione profonda e provocatoria sull”amore e i suoi paradossi. ‘Tutti quelli che hanno fatto esperienza dell’amore, – scrive il professore – sanno che esso si nutre di novità, mistero e pericolo ed ha come nemici il tempo, la quotidianità e la familiarità’. Alle ore 21.30 Umberto Galimberti è protagonista di una intervista a tutto tondo curata dalla giornalista di Skytg24 Stefania Pinna.

Nell’ottica di valorizzare le realtà virtuose del territorio pugliese, #iLP24 quest’anno dedica una pagina speciale al servizio pubblico sanitario pugliese che si è distinto al Policlinico

Riuniti’ di Foggia, con l’istituzione di un percorso diagnostico-terapeutico per la disforia di genere. Si tratta di un servizio all’avanguardia a livello nazionale, che segna un importante traguardo di civiltà e inclusività. Se ne parla a Vieste alle ore 20.30 con Vladimir Luxuria, attivista, scrittrice e conduttrice TV di origine foggiana, nota per il suo impegno nei diritti della comunità LGBTQIA+ e per essere stata la prima persona transgender eletta al Parlamento italiano; Antonello Bellomo, Direttore dellunità operativa di Psichiatria delluniversità di Foggia; Carlo Bettocchi, Direttore responsabile della struttura di Andrologia e Chirurgia ricostruttiva dei genitali esterni, e Giuseppe Pasqualone, Direttore generale del Policlinico di Foggia. Il percorso non si limita solo all’intervento chirurgico, ma include anche il supporto e il trattamento per coloro che scelgono di non sottoporsi alla riassegnazione di sesso. Presenta Enzo Magistà direttore TGNorba.

È uno dei casi editoriali più clamorosi di quest’anno. Un libro che ha suscitato grande interesse nel dibattito mediatico e tra i suoi lettori, scalando le classifiche di vendita dove si trova saldamente in testa ancora oggi. Alle ore 21.00, l’autrice Selvaggia Lucarelli, giornalista del Fatto Quotidiano e volto noto della TV, presenta il suo ultimo successo #Il vaso di pandoro‘, Paperfirst. Con tagliente ironia il libro ricostruisce l’inchiesta che ha cambiato per sempre il panorama degli influencer in Italia, soffermandosi sul caso ‘Chiara

Ferragni“, multata dall’antitrust per pratica commerciale scorretta. La caduta dalla vetta è rovinosa: i follower si sentono ingannati, la stampa volta le spalle e le aziende interrompono le collaborazioni. Lucarelli mette in luce come nell’era dei like, non ci si può giocare la reputazione. Un “opera che invita a riflettere sul pericolo di maneggiare un successo così effimero da poter svanire in un click. In dialogo sul palco con l’autrice Luca Sommi anche lui firma del Fatto Quotidiano e conduttore TV.

Grazie a una collaudata e lunga collaborazione con la Fondazione Bellonci di Roma, anche quest’anno il Libro Possibile vede la partecipazione del vincitore del Premio Strega, a pochi giorni dalla sua incoronazione, quest’anno avvenuta il 4 luglio. Alle ore 21.50, è attesa dunque al Libro Possibile a Vieste Donatella Di Pietrantonio, vincitrice della 78esima edizione del Premio Strega 2024, con il romanzo ‘L’età fragile’ (Einaudi). L’autrice, che a giugno con lo stesso romanzo si era già aggiudicata lo Strega Giovani 2024, ha convinto e ‘stregato’ i giurati con un libro che ha per protagonista una donna che

prova a ricostruire il rapporto con la figlia ventenne durante il lockdown per il coronavirus. A fare gli onori di casa sul palco del #iLP24 ci sarà il Direttore della Fondazione Bellonci, Stefano Petrocchi. A fare gli onori di casa sul palco del #iLP24 ci sarà il Direttore della Fondazione, Stefano Petrocchi. Modera Stefania Pinna giornalista di Skytg24.

Da quattro edizioni, con un ponte ideale che unisce Polignano a Mare a Vieste, il Libro Possibile ospita le voci più autorevoli della lotta al crimine per promuovere una cultura della legalità, principale leva di contrasto alle logiche mafiose. Tra le figure di spicco, alle ore 22.30 interviene un giornalista da sempre impegnato in prima linea contro la criminalità e per questo costretto a vivere sotto scorta come Lirio Abbate. Proprio a luglio, durante i giorni del Libro Possibile esce nelle librerie con il suo ultimo saggio ‘Demoni. Droga, affari e sangue. La mappa del potere nella capitale’ (Rizzoli). Tra vecchie e nuove conoscenze della storia criminale romana, Lirio Abbate, con la tenacia del cronista vecchia maniera e la vivacità del grande narratore, isola il fermo-immagine di una guerra in corso nelle strade della Capitale. Restituisce un nome e un volto ai protagonisti di questo scontro, ai demoni che infestano Roma. L’autore interviene in dialogo con Il Prefetto Vittorio Rizzi, dal 2019, Vice Direttore Generale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Direttore Centrale della Polizia Criminale e con il prezioso intervento di Viviana Matrangola Assessora alla Cultura, Politiche Migratorie, Legalità e Antimafia sociale della Regione Puglia, figlia della prima donna vittima di mafia pugliese, Renata Fonte, uccisa da due sicari la notte del 31 marzo 1984, mentre rientrava a casa dopo una riunione del consiglio comunale. La donna sosteneva politiche di contrasto alla lottizzazione della costa e contro la speculazione edilizia.

Alle ore 23 un gradito ritorno al Libro Possibile con l’intervento di Oscar Farinetti, noto per aver fondato Eataly e per il suo impegno nel promuovere un approccio sostenibile all’imprenditoria, alla domanda ‘Where is the love?’ risponde con ’10 mosse per affrontare il futuro’, la sua ultima sua pubblicazione per Solferino. Con le note del- l’esperienza e della passione, del talento e dell’ironia, l’autore costruisce una potente variazione sul tema delle ‘ricette per il successo’.

SABATO 27 LUGLIO

Gran finale nel segno della legalità con il primo intervento della serata, alle ore 20.15, con Nicola Gratteri, Capo della Procura di Napoli e tra i magistrati più esposti nella lotta contro la ‘ndrangheta. Ha indagato sulla strage di Duisburg e sulle rotte internazionali del traffico di droga ed è autore di numerosissimi bestseller sulle organizzazioni criminali, ultimo ‘Il Grifone” (Mondadori). Nel testo Gratteri indaga un mondo sempre più interconnesso, dove le distanze vengono annullate da un click e i luoghi d’incontro virtuali stanno soppiantando quelli reali, anche le mafie stanno imparando ad adattarsi: sfruttando le potenzialità della tecnologia, si addentrano nello spazio digitale come fosse un nuovo territorio di conquista. Ancora una volta, la criminalità organizzata dà prova di essere estremamente flessibile e capace di stare al passo coi tempi. Non si serve più di picciotti rozzi e sfrontati, ma di abili professionisti con competenze nel settore informatico e finanziario. Le sue armi sono oggi hardware e software sofisticatissimi, che permettono di insinuarsi negli angoli più oscuri del web, protetti non dall’antica omertà, ma dall’anonimato che lo spazio digitale consente di mantenere. Nicola Gratteri illustra questa metamorfosi citando cifre e documenti che fanno riferimento anche alla ‘Quarta Mafia’ a dimostrazione del fatto che la mafia, e in particolare la ‘ndrangheta, agisce ormai su scala globale, spacciando droga, riciclando denaro, compiendo truffe finanziarie e vendendo armi in ogni parte del pianeta, senza nemmeno doversi spostare da casa. In questo peculiare processo di ibridazione, la ‘ndrangheta, come il mitologico grifone, incarna al contempo «valori» tradizionali e nuove istanze, rendendo sempre più fluidi i confini tra legalità e illegalità. Presenta Enzo Magistà direttore di TgNorba.

Alle ore 21, Giovanna Botteri, tra le più stimate corrispondenti e inviate italiane della RAI, si sofferma sulle atrocità delle guerre in corso prendendo spunto dal romanzo #Un autunno dagosto‘, (Chiarelettere), scritto da Agnese Pini, direttrice del quotidiano la Nazione. Il dialogo sul palco tra le due apprezzate giornaliste parte dagli orribili eccidi commessi dai nazifascisti durante l’estate del 1944 lungo la Linea Gotica, in particolare a San Terenzo Monti, dove vennero uccise senza pietà 159 persone. Attraverso la storia della sua famiglia, Pini offre un romanzo civile che parla del presente, restituendo verità e dignità al destino degli ultimi. ‘La storia raccontata in questo libro – dice Agnese Pini – può diventare allora un’occasione per tornare a ciò che siamo stati con una consapevolezza nuova. Del resto la resistenza civile di un paese si può tenere viva solo restituendo verità e dignità al destino degli ultimi’.

È la prima presentazione pubblica di piazza in Puglia per Enrico Letta, ex premier, già segretario del Pd, che alle ore 21.30 interviene con il suo libro ‘Molto più di un mercato. Viaggio nella nuova Europa” (ed. Il Mulino), in uscita proprio a ridosso del #iLP24. Enrico Letta ha documentato otto mesi di viaggio attraverso l’Unione Europea. Incaricato dalla Commissione europea di preparare il piano di rilancio dell’integrazione economica, ha

scritto un diario di viaggio che traccia il futuro del mercato unico europeo e racconta l’evoluzione delle idee fondamentali dell’integrazione. In dialogo sul palco con Agnese Pini, direttrice del quotidiano la Nazione e moderati dalla giornalista Skytg24 Stefania Pinna, gli ospiti tracciano un quadro aggiornato dell’Europa alla luce delle recenti elezioni che hanno interessato i diversi paesi della UE.

Gradito ritorno al Libro Possibile per Maurizio Molinari, direttore del quotidiano La Repubblica, che alle ore 22.10, sul palco assieme a Lirio Abbate, analizza il contesto geopolitico internazionale alla luce dei nuovi equilibri imposti dalle guerre, partendo dal ruolo dell’Italia. Nel libro ‘Mediterraneo conteso. Perché l’Occidente e i suoi rivali ne hanno bisogno‘, edito da Rizzoli, Molinari offre un’analisi della situazione geopolitica del Mediterraneo, definendolo il cuore strategico del pianeta. Il libro, che rivela un Grande Gioco in cui proprio l’Italia si trova al centro per geografia e altro ancora, sarà lo spunto per approfondire anche gli ultimi aggiornamenti sull’attualità.

A inizio marzo, sui giornali italiani compare la notizia di un clamoroso caso di accesso a informazioni riservate riguardanti centinaia di persone tra politici e personaggi noti. Si parla di gravi falle nel sistema della sicurezza informatica, di un possibile mercato parallelo di dati riservati e della pubblicazione di notizie. Tutto nasce da un’inchiesta della procura di Perugia che ha indagato 16 persone. I due principali accusati sono un tenente della Guardia di Finanza, Pasquale Striano, e il pm Antonio Laudati, per anni alla direzione nazionale antimafia. Nei loro confronti si ipotizzano i reati di accesso abusivo a sistemi informatici, abuso d’ufficio e falso. Le indagini sono ancora in corso, quindi, molti elementi restano da chiarire. Nel libro inchiesta ‘Il Verminaio’ (Baldini+Castoldi), provano a fare chiarezza le due giornaliste Brunella Bolloli e Rita Cavallaro che a fronte del numero mostruoso di dati violati, parlano di una cabina di regia che regola un attacco sistematico alla vita democratica del Paese. L’autrice interviene alle ore 23.00 #iLP24.

Gran finale in musica con Manuel Agnelli che si esibirà in una mini-performance acustica in esclusiva per il Libro Possibile, a chiusura dell’ultima presentazione di questa XXIII edizione del festival con il libro di Stefano Senardi autore di #La musica è un lampo‘, (Fandango). Il celebre produttore discografico racconta la sua vita e la sua carriera, partendo dalla scintilla scoccata sin dall’infanzia con la musica di Renato Carosone e dei Beatles. Attraverso oltre 400 ricordi, Senardi offre un libro allegro e serio allo stesso tempo, che restituisce la vicenda politica degli anni, gli echi dei ‘anni di piombo’ e le atmosfere gioiose degli anni Ottanta. Un viaggio attraverso amicizie, ricordi e mille flashback, narrato dalla rockstar dei discografici. Manuel Agnelli, fondatore e frontman della band musicale Afterhours, noto al grande pubblico anche come giudice di X Factor, interverrà sul palco con l’autore per poi rispondere nota su nota con la sua performance acustica al tema musicale che ha ispirato questa edizione: ‘Where is the love?’.

Per la prima volta quest’anno, il Libro Possibile ha previsto, in piazza Aldo Moro a Polignano a Mare e a Marina Piccola a Vieste, un servizio di traduzione automatica in tempo reale (AI-generated real-time translation). Gli utenti possono scegliere di seguire la traduzione nella lingua prescelta leggendola sullo screen del cellulare o ascoltando la versione audio. Basterà inquadrare il QR code che si troverà sul sito e sulle brochure per seguire il link che apparirà.

AncheCinema, live all’Anfiteatro della Pace: “Notturno con Chopin” con Mario Margiotta

L’AncheCinema è lieta di presentare, nella suggestiva cornice dell’anfiteatro della Pace, un concerto di pianoforte sotto le stelle dedicato a Fryderyk Chopin, il “poeta del pianoforte”.
Dopo il tutto esaurito con più di 500 spettatori all’Arena Airiciclotteri ed il successo delle repliche al teatro AncheCinema di Bari, nel teatro Comunale Luciani di Acquaviva delle Fonti e nella prestigiosa Accademia dei Rozzi a Siena,  “Notturno con Chopin” torna a grande richiesta a Bari, in una versione tutta nuova! Lo spettacolo vede il Maestro Mario Margiotta protagonista come pianista e divulgatore musicale. Alternando i brani più celebri ed amati a gemme nascoste del repertorio del grande compositore, esploreremo il mondo e la musica, la vita e le passioni del “poeta del pianoforte”.
Il format originale già presentato con successo in Italia ed all’estero è interamente scritto e realizzato dal Maestro Mario Margiotta che, nella sua originale formula di concerto, lo vede impegnato nella doppia veste di pianista e di “divulgatore musicale”. Egli non solo eseguirà i brani del grande compositore, ma saprà sorprendere, incuriosire e “catturare” i presenti in una serata che ci riporterà virtualmente nel 1800, anni in cui Chopin ha composto e vissuto, raccontando le corde dell’ispirazione, i tratti di vita quotidiana, curiosità e genio creativo: il poeta del pianoforte, insomma, apparirà in tutto il suo genio, ma anche in tutta la sua umana fragilità.
Dopo il trionfo della scorsa estate con la prima di “𝐵𝐴𝐶𝐻𝐴𝑁𝐴𝐿𝐸 –
𝑣𝑖𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑐𝑒𝑛𝑡𝑟𝑖𝑓𝑢𝑔𝑜 𝑛𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑚𝑢𝑠𝑖𝑐𝑎 𝑑𝑖 𝐵𝑎𝑐ℎ” e la replica di “𝐹𝐸𝐿𝐿𝐼𝑁𝐼𝑅𝑂𝑇𝐴,” che hanno entrambi registrato il tutto esaurito con oltre 700 spettatori, Mario Margiotta torna all’Anfiteatro della Pace con uno dei suoi spettacoli più più amati ed acclamati:
“𝐍𝐨𝐭𝐭𝐮𝐫𝐧𝐨 𝐜𝐨𝐧 𝐂𝐡𝐨𝐩𝐢𝐧”.
Uno spettacolo imperdibile in un connubio magico di musica e parole!
venerdì 𝟭𝟵 𝗟𝗨𝗚𝗟𝗜𝗢 2024 | ore 20.45
Anfiteatro della Pace presso Mongolfiera Bari Japigia
Ampio parcheggio sotterraneo gratuito
𝐈𝐍𝐆𝐑𝐄𝐒𝐒𝐎 𝐋𝐈𝐁𝐄𝐑𝐎 𝐄 𝐆𝐑𝐀𝐓𝐔𝐈𝐓𝐎 senza prenotazione
Disponibili, con cauzione di 2€, i cuscini.
 𝗜𝗡𝗙𝗢 𝗦𝗠𝗦/𝗪𝗵𝗮𝘁𝘀𝗔𝗽𝗽 329 64 99 552
𝐌𝐀𝐑𝐈𝐎 𝐌𝐀𝐑𝐆𝐈𝐎𝐓𝐓𝐀 è un giovane artista barese poliedrico che va confermandosi, nel panorama del mondo classico e non solo, come musicista sempre più apprezzato con un format tra i più originali ed anticonformisti.
L’artista crea sulla propria misura non un semplice concerto, ma un vero e proprio spettacolo musicale che mescola il concerto al monologo teatrale, la divulgazione culturale al cabaret in una performance che interseca tutti i generi in un risultato efficace ed estremamente godibile.
Tra le sue più recenti esibizioni ricordiamo la commissione dello spettacolo musicale FelliniRota per l’istituto Italiano di Cultura dei Cairo (Egitto); il grande successo dello stesso al teatro Ghione di Roma; lo spettacolo BACHANALE presso l’Anfiteatro della Pace di Bari con un tutto esaurito ed un pubblico oltre 700 spettatori; la sua partecipazione presso il prestigioso Circolo dei Rozzi a Siena con lo spettacolo “Notturno con Chopin”, la sua partecipazione al rinomato festival Il libro possibile di Polignano a Mare, al fianco di personalità quali Umberto Galimberti, Scanzi, Valter Veltroni ed Erri De Luca.

Comunicati Stampa

Gli Ultimi Articoli