“Se riprendi il mio cane ti spacco la telecamera”, “Me ne fotto dei vigili e delle multe”. Pronti, via. Non ci sono controlli che tengano e la presenza di un addetto della Multiservizi si dimostra inadeguata.

I padroni dei cani che frequentano il parco Mimmo Bucci continuano a lasciare liberi gli animali, anche se di grossa taglia. “Sono gli stessi bambini a volere il mio cane libero – dice uno di loro – vieni il pomeriggio e te ne rendi conto come si divertono insieme”. Non c’è verso di farlo ragionare, neppure quando il dipendente della Multiservizi fa notare che esiste un divieto. Secca la risposta: “Non mi interessa”.

La discussione è sempre al limite e potrebbe degenerare da un momento all’altro. “Non sapremmo dove portare i nostri cani – insiste un altro giovane padrone – il mio, poi, se non è libero non li fa i bisogni”. Il video è sintomatico dell’aria che tira in quel parco e più in generale al Libertà, ben lontano dall’essere per buona parte un quartiere recuperato.

Ci sono gli intenti e le belle parole, quelli non mancano. Senza far nulla per far rispettare in maniera perentoria almeno i divieti basilari, l’area attrezzata dedicata a Mimmo Bucci non sarà mai un parco, ma solo uno sporco canile.

print

2 COMMENTI

  1. Vorrei ricordare a tutti che il giardino in questione è dedicato ad un giovane talento che era orgoglioso di essere del quartiere libertà, un bellissimo esempio, umile e amico di tutti…..(anche vostro amico non dimenticate). Capisco, il giardino è nostro, deve essere vissuto liberamente ma è dedicato in modo particolare ai ragazzi, ai nostri figli. Dobbiamo impegnarci a non offendere la memoria di Mimmo che era orgoglioso di essere del quartiere libertà, come noi. Dimostriamo di essere altro e brava gente, basta dare il peggio di noi, rispettiamo il mio e il vostro amico, oramai è un angelo e ci guarda da lassù.

  2. Belle parole. amare gli animali e metterli prima di tutto non significa non rispettare cio che sta intorno. Just in case.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here