Il problema della legionella nel Policlinico di Bari non è stato ancora risolto dopo due mesi dal sequestro dei padiglioni Asclepios e Chini. Secondo la Procura di Bari i tre mesi di interdizione, decisi dal gip Giuseppe De Benedictis, a carico dei manager del nosocomio non bastano. Nell’appello al Tribunale del Riesame, la pm Grazia Errede e il procuratore Alessio Coccioli hanno chiesto di correggere l’interdizione almeno a 6 mesi.

Nell’udienza fissata giovedì 28 si discuteranno anche gli appelli del direttore generale Giovanni Migliore, del direttore sanitario Matilde Carlucci e del responsabile tecnico Claudio Forte.

Al processo si stabilirà se, come ritiene l’accusa, i vertici del Policlinico non hanno messo in atto le misure necessarie per la bonifica dei reparti, causando il decesso di 4 pazienti, o se, come sostengono i difensori, sia stato fatto tutto il possibile.

Al momento al Policlinico è stato commissariato e al posto di Migliore c’è Vitangelo Dattoli, nominato dalla Regione Puglia. Nel frattempo nel padiglione Chini, dopo aver trasferiti gli ultimi reparti, si sta procedendo con la bonifica della legionella.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here