Il premier Conte, durante il suo intervento alla Camera dei deputati, ha comunicato che il prossimo mercoledì saranno pronte nuove restrizioni per frenare la crescita dei contagi in Italia a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus.

“La pandemia corre repentinamente in Europa, costringendo ogni Paese a varare nuove misure restrittive di settimana in settimana. Rimetto al Parlamento ogni decisione rispetto alla necessità di misure necessarie con la massima speditezza”.

“Il Parlamento – ha proseguito – potrà esprimersi prima dei provvedimenti del governo e do la mia disponibilità ad accogliere i rilievi che arriveranno. Sulla base di criteri scientifici sarà necessario introdurre un regime differenziato nelle regioni. Durante la prima fase, a causa di un virus sconosciuto, siamo stati costretti a chiuderci nelle nostre case. Adesso la situazione è diversa e possiamo muoverci con restrizioni mirate rispetto alla soglia di criticità”.

“Sul territorio nazionale ci saranno misure che rafforzeranno il piano di contenimento. Pensiamo di predisporre la chiusura nei giorni festivi e prefestivi dei centri commerciali, dei corner e videogiochi in qualsiasi luogo siano. Chiusi anche musei e mostre, stiamo valutando il limite al 50% sui mezzi pubblici. Ci saranno limiti per gli spostamenti dalle regioni a rischio, tranne per necessità, lavoro, studio e salute. Limiti alla circolazione nella fascia serale, tranne per comprovate esigenze lavorative, salute, studio. Pensiamo di portare le scuole di secondo grado alla didattica a distanza. Resteranno aperte farmacie, parafarmacie, supermercati, alimentari, tabacchi e giornalai e tutte le attività necessarie”.

“Il Governo darà alle famiglie italiane e alle imprese i giusti aiuti economici. Tutti gli sforzi finanziari sono irrinunciabili per permettere di ricominciare a lavoro nel futuro. Abbiamo prorogato fino a marzo 2021 il blocco dei licenziamenti. La cassa integrazione covid sarà gratuita per tutti i datori di lavoro interessati dalle misure restrittive. Vogliamo concretizzare questi aiuti nel minor tempo possibile. Questa è la terza crisi economica nello spazio di questi ultimi 15 anni. Anche in un momento così drammatico- conclude Conte – non possiamo permetterci di distogliere lo sguardo verso il futuro. Il volto dell’Italia negli anni che verranno non lo conosciamo, ma sarà di certo diverso”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here