foto di repertorio

A causa dell’emergenza dovuto al Coronavirus non sarà necessario recarsi al distretto sociosanitario per il rinnovo e per ottenere l’attestato di esenzione, ma la gestione dei codici di esenzione sarà telematica e disponibili in automatico ai medici in fase di prescrizione. Inoltre la Giunta ha disposto la proroga fino al 30 settembre per i codici di esenzione in scadenza il 31 marzo.

La proroga è prevista per i seguenti codici:

  • Assistiti di età inferiore a 6 anni e superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a 36.151,98€ (codice E01);
  • Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46€ per ogni figlio a carico (codice E02);
  • Titolari di pensione sociale e loro familiari a carico (codice E03);
  • Titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro , incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (codice E04);
  • Assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo complessivo fino a 18mila euro, incrementato di mille euro per ogni figlio a carico (codice E94);
  • Assistiti di età superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito annuo, complessivo non superiore a 36.151,98 euro (codice E95);
  • Assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo fino a 23mila euro, incrementato di mille euro per ogni figlio a carico (codice E96).

I codici E03 e E04 valgono per l’esenzione per viste ed esami specialistici e per l’acquisto di farmaci, i codici  E01 e E02 valgono per l’esenzione per visite ed esami specialistici e i codici E94, E95 e E96 valgono per l’esenzione totale o parziale per l’acquisto di farmaci.

Tale decisione è stata necessaria per evitare assembramenti negli uffici delle Asl. L’eventuale utilizzo improprio dell’attestazione di esenzione è suscettibile dell’applicazione delle sanzioni previste dalla normativa in materia di autocertificazione (artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000 e s.m.i.). Nel caso in cui i cittadini vogliamo rendere l’autocertificazione per avere un attestato di esenzione valido fino al 31 marzo 2021 può consultare il Portale della salute. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here