“Signora come sta?”. Di pancia la risposta che la donna ha dato al segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi: “Com’ ammàmete”.

I fischi, le urla e gli insulti sono stati oscurati dalla laconica risposta della signora, che, diciamolo, fosse stata presa da un po’ più di rabbia, avrebbe risposto con qualche parola ancora più forte. Il treno «Destinazione Italia», a Polignano, non è stato accolto solo da alcuni sostenitori del PD, ma anche, da un gruppo di contestatori, oppositori alla campagna elettorale del sindaco della città e presidente Anci Puglia, Domenico Vitto.

Renzi, con il ‘treno d’ascolto’, composto da cinque carrozze, per 150 metri di lunghezza e 100 posti a sedere, sta percorrendo tutte le province italiane per ascoltare i cittadini e trovare idee per il programma del Partito Democratico. In Puglia è accompagnato dal sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, e, dopo Foggia, Barletta, Polignano, San Vito, Lecce e Taranto, sabato 21 si fermerà nella stazione centrale di Bari.

Stampa Articolo
Loading...

7 COMMENTI

  1. Ma il signore in questione non doveva lasciare la polotica già molto tempo fa…..eppure l’aveva ripetuto più volte il suo abbandono definitivo! La dignità e la coscienza proprio non le conosce!

  2. Vanno pure per le case a prendere per il
    Culo i cittadini…non c’è più rispetto.Non sanno più cosa inventare per una manciata di voti.Italia ridotta ad una latrina.Non ce l’ho con Renzi.Il grosso problema è che sono quasi tutti uguali.Ci vuole qualc’osaltro per sistemare questo paese.Viva l’Italia

  3. veramente io ho capito ‘nc_l a mmàmete’ e non com. Non ho capito invece chi è questo renzi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here