Il tanto atteso “derby dei due mari” torna ad essere giocato dopo 29 anni: il Bari ospita il Taranto al San Nicola e lo batte con un netto 3-1, laureandosi campione d’inverno del Girone C con una giornata di anticipo. Il derby viene sbloccato dopo meno di un quarto d’ora dai Galletti che vanno a segno su palla inattiva: Paponi si guadagna un calcio di punizione da buona posizione e Raffaele Pucino si incarica di batterlo, riuscendo a scavalcare la barriera e a segnare direttamente su punizione con una prodezza. Proprio il terzino biancorosso era stato al centro di forti discussioni nel corso di questa settimana, a causa di una storia pubblicata su Instagram poco dopo la partita giocata ad Avellino nel quale apparivano le emoticon di alcune pecore, un chiaro sfottò ai calciatori ed ai tifosi della compagine campana.

Il 2-0 dei biancorossi arriva nei minuti finali del primo tempo, quando D’Errico serve Rubén Botta libero sulla destra che, favorito da un velo di Antenucci, calcia verso la porta e il pallone si infila alle spalle del portiere tarantino grazie ad una deviazione del difensore Antonio Granata, autore dunque di un autogol. Dopo un’ora di gioco la chiude il Bari: Paponi riceve palla e corre verso la porta come un ariete, serve Antenucci che con un tiro da cecchino mette dentro il gol del 3-0. L’occasione per riaprire la partita si palesa a poco più di un quarto d’ora dal termine per il Taranto: l’arbitro assegna un calcio di rigore agli ionici, Saraniti si presenta sul dischetto, ma Gigi Frattali riesce a parare il suo tiro dagli undici metri. La prodezza del numero 1 biancorosso non basta, in quanto sulla respinta del penalty parato ne approfitta Giuseppe Giovinco, fratello di Sebastian, a segnare la rete che accorcia le distanze.

Buone notizie per i Galletti sono arrivate anche dagli altri campi nel primo pomeriggio: a differenza del Bari, il Palermo è uscito sconfitto dal derby siciliano giocato quest’oggi, perdendo 2-0 in casa del Catania. Si ferma anche il Monopoli sul pareggio casalingo a reti bianche con il Latina. Stravince la Turris per 5-0 con il Messina portandosi al secondo posto, a ben 8 punti di distanza dal Bari, mentre l’Avellino riesce a vincere di misura per 0-1 in casa della Vibonese e resta a 9 punti di distacco dai biancorossi. La prossima settimana il Bari è atteso da quello che potrebbe essere il match più difficile di tutta la stagione: la trasferta in casa del Palermo per una partita che potrebbe valere un campionato.