Altra grande prova di forza del Bari che sfata il tabù Paganese, espugnando l’Oreste Tretola con il risultato di 0-1 grazie al solito bomber Antenucci. Una vittoria importantissima per Vivarini, la seconda consecutiva dopo il trionfo nel derby contro il Bisceglie, che spedisce i Galletti ormai nelle zone alte della classifica. Peccato che in contemporanea arrivi la notizia da Rieti della vittoria a tavolino della capolista Reggina, ancora a più 8 sulla formazione biancorossa. Una brutta pagina per il calcio italiano, con i padroni di casa che hanno mandato in panchina il proprio allenatore della Berretti senza delega della Lega.

Il Bari però i tre punti li ha conquistati sul campo e meritatamente. Vivarini conferma ancora una volta il 4-3-1-2 lasciando a sorpresa in panchina Hamlili e lanciando dal primo minuto Folorunsho. Il campo non è in ottime condizioni, a risentirne è lo spettacolo. Il primo tempo infatti si conclude a reti involate, con poche azioni da gol: solo al minuto 42′ è Antenucci a sfiorare la rete, su ottimo suggerimento di Simeri, con un colpo di testa che però non inquadra lo specchio a pochi passi dalla porta.

La musica cambia nel secondo tempo. Pronti e via, Simeri spreca una potenziale occasione da gol lanciato a tu per tu con il portiere. Pochi minuti dopo è Schiavone a sciupare da ottima posizione un bel suggerimento di un compagno. Il match si sblocca al minuto 71′: l’azione nasce da una conclusione dalla distanza dello stesso centrocampista, respinta dal portiere avversario ma la palla viene rimessa in area di rigore e scaraventata in porta da Antenucci con un bel destro al volo. Nel finale la Paganese tenta il tutto per tutto ma il Bari fa muro e porta a casa tre punti importantissimi.

Con questa vittoria il Bari sale a 29 punti in classifica, a due soli punti di distanza dal secondo posto occupato dal Monopoli. Nel prossimo turno gli uomini di Vivarini saranno impegnati al San Nicola contro il Teramo. Un match da vincere a tutti i costi per continuare la rincorsa alla Serie B.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here