Grande soddisfazione per quanto fatto ma tante idee e voglia di costruire il futuro. Prima delle feste il presidente della Ssc Bari, Luigi De Laurentiis, ha voluto fare il punto sul cantiere biancorosso con un occhio anche a un 2019 che si preannuncia già cruciale per i galletti.

“Abbiamo iniziato da zero, non c’era nulla, nemmeno asciugamani e la partita Iva – racconta il presidente – Siamo riusciti a costruire una squadra che potesse competere in serie D. Mio padre mi ha sempre insegnato a seguire tutto in prima persona, cosa che ho fatto giorno dopo giorno insieme a Matteo Scala”.

“Questo deve essere un percorso di successo – continua il numero uno del Bari – Ogni decisione va presa con criterio seguendo lo spirito imprenditoriale che caratterizza la nostra azienda. Ma c’è tanto ancora da fare e sono gia pronto a programmare il nuovo anno. La serie C? Campionato duro, ma la nostra idea è quella di crescere sempre quindi pensiamo di mantenere la stessa aggressività”.

Futuro fa irrimediabilmente rima anche con la questione stadio: “Stiamo ancora lavorando per rendere più vivibile il San Nicola. Ma ci sono molti stadi messi peggio. Ovviamente puntiamo a una gestione pluriennale in sinergia con il Comune di Bari”.

Inevitabile un commento sul campionato in corso: “Non riusciamo a non essere entusiasti – ammette De Laurentiis – ma il campionato non è finito, ogni partita resta fondamentale. Abbiamo gli occhi dell’Italia addosso e tutti i calciatori dovrebbero giocare ogni partita col coltello fra i denti. Va dato merito anche a Cornacchini che in poco tempo è riuscito a costruire una buona squadra. Abbiamo scelto i giocatori valutando il valore umano – sottolinea il presidente – l’aspetto caratteriale è fondamentale, soprattutto all’interno dello spogliatoio. Vorrei che il Bari continuasse a crescere puntando su questi valori”.

Il numero uno biancorosso stoppa anche le polemiche che sono emerse dopo alcuni presunte decisioni arbitrali che, secondo gli avversari, avrebbero favorito il Bari: “Sono polemiche che non ci interessano – spiega De Laurentiis – non abbiamo scelto noi di partire dalla serie D. È un campionato difficile per tutti e io vado a dormire tranquillo”.

Una linea ribadita dal team manager Matteo Scala: “Noi abbiamo scelto di non commentare le decisioni arbitrali, sia a favore che a sfavore”. Lo stesso Scala ha poi ringraziato la proprietà: “Fin da subito ci ha messo in condizione di lavorare bene. Abbiamo la fortuna di lavorare con brave persone, sia dal punto di vista professionale che umano”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here