Il Bari avanti con la “vecchia guardia”. Grazie ai gol di Brienza e Di Cesare i biancorossi superano lo scoglio Rotonda, infilano la sesta vittoria consecutiva e volano a +11 dalla Turris fermata sullo 0-0 dalla Nocerina. Un’altra prestazione non spettacolare ma di carattere dei galletti premiati da una giocata di Di Cesare a pochi minuti dal termine.

Mister Cornacchini archivia il parziale turn-over del turno infrasettimanale e ripropone il suo Bari quasi in formazione tipo: Davanti a Marfella riprendono il loro posto sulle corsie esterne Turi e Nannini mentre Di Cesare e Mattera compongono la coppia centrale. Tornano titolari anche Bolzoni e Hamlili in mezzo al campo con Piovanello, Brienza e Floriano a supporto di Pozzebon preferito a Simeri.

Inizio di partita bloccato in cui domina la confusione. Il Bari fa possesso palla senza riuscire a trovare il varco giusto mentre il Rotonda si affida soprattutto all’estro di Santamaria ma Marfella non corre mai veri pericoli. I biancorossi, però, escono alla distanza: poco dopo il 20′ Brienza scalda il sinistro dopo uno schema su calcio d’angolo, ma il suo tiro è debole e fuori misura. Poco dopo Pozzebon dal limite trova la risposta del portiere lucano che respinge la sua sassata. Nel finale sale in cattedra Brienza: il fantasista di Cantù prima si libera in dribling e impegna col destro Oliva, poi si guadagna il calcio di rigore che realizza lui stesso a 120 secondi dalla fine del primo tempo. Per Brienza primo centro stagionale.

Il gol del vantaggio maturato nel finale sembra dare sicurezza al Bari, forse anche troppa. Gli uomini di Cornacchini gestiscono il solito possesso palla ma hanno il demerito di non chiudere subito il match e il Rotonda, mai davvero pericoloso, ne approfitta: al 70′ Di Stefano pareggia i conti con un bel mancino su punizione, ma l’errore di valutazione di Marfella è evidente. Il Bari, destato dal pareggio, si getta in avanti e dalla panchina arriva anche l’artiglieria pesante: Simeri e Iadaresta provano più volte a combinare in area sfiorando in diverse occasioni il gol del raddoppio che arriva solo al minuto 83′ con l’ormai “solito” Di Cesare che questa volta colpisce non col piatto forte della casa, il colpo di testa, ma con un spettacolare tiro a giro di sinistro (non il suo piede) dal limite dell’area. Un gol che spezza le gambe letteralmente al Rotonda che poco prima aveva anche perso per espulsione (doppia ammonizione) l’autore del momentaneo pareggio.

PAGELLE

ROTONDA (4-3-3): Oliva 6; Marigliano 6 Nicolao 5 Chiavazzo 5 Silletti 6; Pastore 6 Ostuni 6 Zappacosta 5.5; De Stefano 5.5 Santamaria 6.5 Flores 5.

BARI (4-2-3-1): Marfella 6; Turi 5 (Aloisi 6) Di Cesare 7.5 Mattera 6.5 Nannini 6; Bolzoni 7 Hamlili 6; Piovanello 5.5 (Langella 6) Brienza 7 (Neglia 6.5)Floriano 5 (Iadaresta 6); Pozzebon 5 (Simeri 6)

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here