Fosse un appartamento e lui un inquilino come tanti, si chiamerebbe tecnicamente occupazione senza titolo, ovvero quando scade il contratto, ma l’affittuario si rifiuta di uscire e non permette al proprietario di tornarne in possesso. Ma lui è Cosmo Giancaspro, e l’immobile in questione si chiama stadio San Nicola. Cosa cambia? Tutto, o magari niente, fatto sta che la Fc Bari 1908 non ha consegnato le chiavi al Comune, come previsto dall’ultima diffida, e la figuraccia dell’imprenditore di Molfetta è planetaria, come si addice all’astronave.

La motivazione formale è che il rappresentante della società presente all’incontro al San Nicola con i rappresentanti del Comune, Francesco Maselli, che ha la delega al marketing, non sarebbe stato autorizzato da Cosmo Giancaspro, presidente liquidatore della società, a restituirle.

I tecnici comunali presentatisi stamattina hanno quindi stilato un verbale di constatazione di questa mancanza di volontà della società al rilascio della struttura, nelle prossime ore decideranno lo strumento amministrativo idoneo per rientrare in possesso dello stadio. Probabilmente si tratterà di un provvedimento di sgombero per decadenza totale della concessione.

Si trattasse di un appartamento, come dicevamo all’inizio, i tempi sarebbero decisamente lunghi, con l’inquilino seduto bello comodo sul divano a consumare acqua in attesa di essere buttato fuori da un giudice, magari guardando la conferenza stampa di De Laurentiis. Non resta che aspettare.

print

1 COMMENTO

  1. Decaro non può usare i vigili come la sua guardia personale per fare pressioni su Giancaspro e regalare il Bari (e lo stadio) a De Laurentis. Ci sono scadenze giudiziarie da attendere, i vigili sarebbero più utili altrove in città. Bisognava difendere meglio il Bari 1908 in tutte le sedi e non affossarlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here