Tanto nervosismo, troppa tensione e probabilmente qualcosa che va oltre il sano agonismo di una partita particolarmente sentita. Enrico Guarna esprime delle considerazioni. Per i dettagli di quello che è accaduto prima della partita però è meglio sentire Sabelli, dice.

«Nel 2015 succedono ancora cose strane quando arrivi su campi come questo – rivela Guarna – non voglio colpevolizzare nessuno ma ci sono atteggiamenti che vanno evitate. Sono successe cose da vigliacchi».

Il commento poi si sposta sul primo goal dell’Avellino. «Non so se la palla fosse già entrata sul tiro di Zito, di sicuro l’arbitro ha dato goal a D’angelo. Volevo mettere tre uomini in barriera ma Bellomo è stato richiamato in marcatura. Così ne ho tenuti due. Sulla palla c’erano un destro e un sinistro. Il tiro era forte, l’ho presa ma arrivato prima uno di loro. E ha fatto goal. Sul secondo la deviazione di Rinaudo è stata decisiva».

«Peccato perché nella ripresa abbiamo cercato di esprimere il nostro calcio – conclude – a tratti ci siamo anche riusciti. Il mister ha provato a cambiare modulo e secondo me la mossa aveva sortito risultati. Nel primo tempo abbiamo subito ma nel secondo a mio parere abbiamo fatto bene».