Un incrocio frutto dei risultati del giorno prima, in cui i biancorossi di coach Putignano avevano superato i siciliani, mentre Matera aveva sudato più di una camicia contro la formazione di Cadeo, battuta solo al supplementare. Un torneo di alto profilo quello visto sul parquet del Palaflorio, per l’organizzazione dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport, con la finale a rappresentare la migliore cartolina dell’intera manifestazione. Un bel modo per inaugurare la nuova stagione davanti al pubblico del PalaFlorio, accorso ancora una volta in gran numero.

Rispetto alla gara dell’anno scorso disputatasi nello stesso periodo, i valori e l’esperienza in campo sono completamente cambiati. Due formazioni rinnovate con obiettivi e consapevolezze diverse.

E che il match non sarebbe stato una semplice amichevole lo si è capito subito dalle prime battute: un 5-0 iniziale del Cus Bari, con Ruggiero protagonista (alla fine per il capitano barese, anche il riconoscimento come miglior giocatore del torneo). Ma la Bawer non ci sta e recupera subito il passivo. Si lotta sotto canestro e si scatena subito il duello tra Grappasonni e Bisconti per la lotta ai rimbalzi.

Il primo periodo si chiude con un vantaggio dei cussini di 6 punti. Nel secondo quarto, difese meno attente e il Matera, spinto dalla qualità di Rezzano e dalle bombe di Vico, riesce a rosicchiare qualche punto e dopo un controbreak di 8-2 a metà frazione, chiude il primo tempo  sul -1(42-43). La ripresa è ancora all’insegna dei materani che, ben orchestrati da Cantone, tentano di congelare il match con una mini fuga. Al 25’ salgono in cattedra i ‘cecchini’ del Cus Cardillo e Bonessio, oltre al solito Ruggiero, bravi a rispedire al mittente tutti i tentativi di allungo degli ospiti. L’ultimo quarto si gioca punto a punto e a 120 secondi dalla fine è quasi parità: 75-76 per la Liomatic Group Cus Bari. E’ questa la fase in cui emerge una più attenta tenuta difensiva dei baresi che consente di mantenere il vantaggio di sicurezza sino alla fine.

A due settimane dal probabile inizio della stagione, lo staff tecnico cussino si prepara così a consolidare la forma fisica del gruppo, alla ricerca di una sempre migliore e collaudata amalgama difensiva e maggiori equilibri offensivi. In attesa di conoscere da vicino il team al completo nella presentazione all’intera cittadinanza del 21 settembre prossimo (alla Sala Murat, inizio ore 20.45), il trofeo “Parco Nazionale dell’Alta Murgia” si è rilevato un ottimo test, che come i precedenti, ha lasciato intravedere ottime potenzialità e una squadra in crescita in vista degli impegni futuri.

Tabellino Liomatic Group Cus Bari – Olimpia Bawer Matera 84-81

Liomatic Group Cus BARI: Bisconti 7, Barozzi 3, Laquintana 5, Giannini n.e., Cardillo 19, Jishiashvili, Di Donna, Bonessio 14, Bonfglio 11, Ruggiero 25. All.: Putignano.

Olimpia MATERA: Vico 26, Iannuzzi 9, Rezzano 13, Vitale, Cozzoli 6, Samoggia 6, Smorto 3, Cantone 9, Giuffrida, Grappasonni 9. All.: Benedetto