È stata pubblicata sul sito del Comune di Bari, al seguente link, la manifestazione di interesse per selezionare soggetti interessati a partecipare al percorso di co-progettazione della candidatura della città di Bari al bando 2021 per La concessione di contributi a iniziative di sensibilizzazione ed educazione alla cittadinanza globale proposte da Enti Territoriali e Organizzazioni della Società Civile e soggetti senza finalità di lucro”, promosso dall’AICS – Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

In particolare, si intende promuovere un percorso educativo articolato mirato a sensibilizzare i giovani della città di Bari su una cittadinanza globale più consapevole, inclusiva e sostenibile, che alterni l’attuazione di percorsi formativi a testimonianze, lavori di gruppo, azioni di trasformazione ispirate agli obiettivi dell’agenda 2030.

Il Comune intende così candidare la propria proposta su uno degli ambiti di intervento cui confluiranno le diverse iniziative. Nello specifico la proposta verterà sul tema “Rafforzare la conoscenza degli Obiettivi Sviluppo Sostenibile (OSS) dell’Agenda 2030” e sulla sua implementazione, oltre a sensibilizzare sui temi della solidarietà internazionale in cooperazione con le Università, l’Ufficio Scolastico Regionale, le scuole della città, le agenzie culturali e formative, il tessuto dell’associazionismo e delle ONG locali impegnato sui temi della mondialità e dell’intercultura.

Durante il periodo di restrizioni legate alla pandemia abbiamo avviato un percorso di ascolto dei giovani della città da cui è emerso un forte desiderio di impegnarsi per cambiare il contesto in cui vivono e il mondo delle strutture sociali, culturali, politiche ed economiche che influenzano le loro vite, per diventare così promotori attivi di società più pacifiche, tolleranti, inclusive, sicure e sostenibili – spiega l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano -. Un’energia incredibile che vogliamo cogliere e moltiplicare tramite un percorso articolato di educazione mirato a rendere proprio le ragazze e i ragazzi protagonisti di un cambiamento consapevole del nostro contesto sociale. Con questa manifestazione d’interesse intendiamo reclutare soggetti partner che vogliano cogliere, insieme al Comune, alle scuole e alle Università, questa importante sfida”.