“Persino un concetto complesso come l’arte può regalare leggerezza ai pazienti”. Parte da questo presupposto l’iniziativa organizzata dall’Istituto Oncologico di Bari: “L’arte in istituto”, un ciclo di conversazioni sui temi d’arte e d’intrattenimento culturale.

Protagonista degli eventi la professoressa Clara Gelao, già Direttrice della Pinacoteca Metropolitana di Bari. All’iniziativa culturale aderiscono le associazioni dei pazienti oncologici da sempre vicine agli ammalati, Favo Puglia, Gabriel, pH8, Ui Together e Walce Puglia, con il patrocinio del Comune di Bari e della Città Metropolitana di Bari.

“Vogliamo curare i pazienti dal punto di vista clinico, ma per noi è importante anche l’approccio sociale – fa notare Agnese Maria Fioretti, cardiologo dell’Istituto Tumori di Bari – pazienti e familiari potranno seguire le conversazioni anche con un collegamento televisivo”.

“Da un po’ di tempo abbiamo iniziato un programma di umanizzazione delle cure – sottolinea Francesco Giotta, Oncologo Medico dell’Istituto Tumori di Bari – al di là delle migliori e più aggiornate terapie esistono delle attività complementari, come musicoterapia, o arterapia che puntano a umanizzare il nostro rapporto con il paziente”.

IL CALENDARIO

27 novembre: Soggetti femminili nelle collezioni della Pinacoteca di Bari
18 dicembre: I presepi monumentali pugliesi in pietra dipinta
29 gennaio 2019: Stefano da Putignano e gli altri scultori del Rinascimento pugliese
26 febbraio: Opere venete del Rinascimento in Puglia
26 marzo: Dipinti pugliesi di un grande artista del Settecento: Corrado Giaquinto.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here