Rinunciano a metà dei dolci al buffet della festa nuziale per condividere il giorno più importante con i senzatetto baresi. Claudio, 31enne di Cassano e Francesca, 29enne di Adelfia, il prossimo 21 agosto convoleranno a nozze.

“Riteniamo doveroso aiutare le persone meno fortunate, soprattutto nel giorno in cui si spreca una gran quantità di cibo – spiega il futuro sposo -. La nostra speranza è che un numero sempre maggiore di coppie possa avere lo stesso pensiero, anche in forme diverse ma altrettanto solidali”.

Non un modo per farsi pubblicità, dunque, anche perché si tratta di due giovani come tanti, senza velleità da palcoscenico. Meno torte, crostate, gelati e pasticcini nel momento del taglio della torta affinché un panificio del capoluogo quella sera possa allestire un buffet nelle vicinanze della stazione, uno dei luoghi più frequentati da chi vive per strada.

“Chi si è già sposato sa bene quanto cibo si butti durante la festa nuziale – spiega ancora Claudio – come si può rimanere indifferenti nei confronti di chi non sa neppure se riuscirà a procacciarsi da magiare quel giorno?”. Riteniamo si tratti di un piccolo gesto, ma di un grande esempio e per questo a Claudio e Francesca non possiamo che fare i nostri più sinceri auguri, dedicando loro la prima pagina.

print

28 COMMENTI

  1. Se non e autopromozione o protagonismo travestito poco ci manca. La carita’ bisognerebbe farla, tutti i giorni, e non dirla. Neppure per indicarla come esempio. Comunque non trascuriamo anche
    comunioni e compleanni: qualche scatola di gelati alla mensa dei poveri (es. quella di via Capruzzi ) allargherebbe la festa.

  2. Sento di contraddire ogni tua singola parola. Si tratta di un gesto da prendere come esempio ed è giusto che venga detto. Resterà una traccia, anche solo per chi non ha pensato a fare una cosa per gli altri quel giorno. I due ragazzi continueranno a spaccarsi ogni giorno la schiena sul loro posto di lavoro. Non aspirano a nient’altro.

  3. Questi esempi di altruismo sono eccezionali e davvero lodevoli ma credo che siano ancora poco seguiti …. in genere si seguono gli esempi che conviene di più seguire .ed è sempre bello ammirare il bene quando viene fatto dagli altri ! Davvero auguri di cuore a questi due sposi intelligenti !!!!

  4. Grazie a gesti come questo qualcuno passerà qualche giorno migliore..grazie da parte mia..

  5. E’ bello sapere di scelte coraggiose…certamente ne hanno parlato gli altri e nn gli stessi sposi….questo e’ amore altro ke ipocrisia di magliette e cappelli

  6. Sono d’accordissimo con il sig.r FRANCO…..mi ha letto nel pensiero.
    Quando si GRIDA ai quattro venti
    ….. Di aver fatto beneficienza; non è beneficienza partita dal proprio impulso ma studiata al tavolino!!!
    Xké aspettare allora al giorno del matrimonio. …se si può far prima……MOLTO PRIMA?!
    Sarebbe bastato saltando infilarsi in una tavola calda e concordare col ristoratore un determinato quantitativo di cibo da devolvere ai bisognosi(( avranno anche avuto fa parte già. …dei risparmi x sposarsi😏)).
    Invece NO…… Meglio farlo con questo clamore👍
    Tra l’altro privare i partecipanti alla festa…… di un qualcosa che si pagheranno con la classica bustarella(( e magari non lo sanno))da regalo.
    Ma tanto questo va di moda…..privare anche, del piccolo ricordino BOMBONIERA…..x devolvere in beneficienza.
    Ma anche questo comunicate nella partecipazione d’ invito alle nozze ad ogni partecipante?😏
    Fate la ” BENEFICIENZA” ma non fatevi ” PUBBLICITÀ “.
    X giunta…… Avete anche pubblicato le loro foto…..RIDICOLO 😔

  7. Dovremmo prendere esempio da due giovani.Che nel giorno piu’ bello della loro vita,abbiano pensato xi più poveri

  8. Non hanno gridato nulla ai quattro venti, non sapevano neppure che ne avrei scritto. Forse ce l’hanno anche con me, ma non potevo non dire del bel gesto. Piuttosto prendete esempio. Solitamente chi critica in questo modo senza sapere i retroscena non fa molto neppure nel segreto del suo cuore.

  9. A chi pensa che questa sia solo promozione o un modo per farsi pubblicità, anziché sparare cattiverie, fatevi una buona dose di autocritica. Siamo così abituati alle “brutte” notizie che quando ci capita una buona avete pure da criticare. Ma fatevi una vita!
    Complimenti a questi splendidi ragazzi. Bravo Antonio!

  10. La carità si fa in silenzio e soprattutto in altri contesti e non privando gli invitati di ciò che si aspettano ad un evento del genere..a questo punto perché non devolvere anche metà delle buste e metà dei regali che sono destinati agli sposi?

  11. Matteo 6,1-4
    Guardatevi dal praticare le vostre buone opere davanti agli uomini per essere da loro ammirati, altrimenti non avrete ricompensa presso il Padre vostro che è nei cieli.
    Quando dunque fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Quando invece tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti segreta; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

  12. Ce ne vuole a vedere della cattiveria anche in questi gesti…nessuno pensa che i ragazzi avrebbero anche potuto semplicemente farne a meno senza necessariamente condividere con gli altri? Traboccate di odio da ogni parola…bravo Antonio

  13. basta, hanno deciso. Non si sposano più dando solidarità a quanti non possono farlo. E non avranno figli per solidarietà a quanti non possono averne.

  14. Antonio hai fatto bene, molte persone stanno prendendo spunto oggi stesso da questa iniziativa, e suppongo sia il motivo che ha spinto i ragazzi a parlarne. Ridicolo ed estremamente egoistico sentire che gli invitati “sono stati privati” di qualcosa. Ma vi sentite? O meglio, riferendomi a chi dice “avessero diviso le buste” avete letto che il matrimonio ancora non è stato fatto e che quindi per il momento ci hanno solo rimesso? Ma che problemi avete? È un gesto nobile. Bravi

  15. E però non si può scrivere che “non sapevano neppure che ne avrei scritto” se nell’articolo i due danno risposte a domande come fosse un’intervista.

  16. Oltre al falso buonismo anche la falsa modestia di non essere menzionati in un articolo in prima pagina con tanto di mega foto e nomi..e poca professionalita del giornalista che interviene a difendere quando le critiche si accettano buone e cattive..

  17. A quel tipo strano che ha citato il Vangelo, vorrei dire che gli evangelisti se non avessero scritto di Gesù nessuno avrebbe mai saputo delle sue gesta (a parte il fatto che diceva di andare a predicare e divulgare la notizia) . Diciamo che si possono definire i “giornalisti dell’epoca”. Se i giornalisti non esistessero nessuno avrebbe mai saputo di quanto ha fatto Giovanni Paolo II o Padre Pio o gli stessi Falcone e Borsellino…siamo talmente abituati alle brutte notizie che quando ne sentiamo una bella, dobbiamo per forza criticare o trovarci del marcio. Viviamo in un mondo in cui il male deve essere detto, e il bene deve restare in silenzio? Ma che avete nel cervello? Questa è una notizia che dalle nostre parti è più unica che rara, e lo avesse fatto un figlio di VIP sarebbe finito all’incontrario TG. Penso proprio che il loro scopo era dare l’esempio ( ci sono commenti in cui altre coppie hanno deciso di emulare il gesto)…questa coppia andrebbe solo stimata, perchè non ha nessun beneficio a farsi notizia, anzi al massimo andrebbe apprezzato il coraggio.
    State messi male gente!

  18. Auguri di cuore ai due ragazzi….se si risparmiasse su tutta la filiera di matrimoni, battesimi comunione etc….si potrebbero moltiplicare gesti come questo….non ci si sposa solo per se stessi, atto pubblico il matrimonio, atto pubblico lo stile con cui si sceglie di festeggiare….la società si feconda così

  19. Grazie dal vostro coraggio!!!!!!
    Le cose buone è bisogno nel mondo di oggi dirle con gioia!!! E anche bello conoscerle!!!! Sono un exempio!!!!
    Mi sembra molo triste che si critiche.
    Noi anche quando ci spossiamo pensamo negli più poveri e dil soldi che ci hanno donato abbiamo dato alle persone più bisognose. E mi sembra bello ricontarli perché sia un modo di fare anche per gli altri. Così possiamo fare di un mondo migliore!!!!!
    Si restiamo nel giudicare…perdiamo tanto tempo nel amare!!! E siamo nati per amare es essere felice. E siamo più felice al dare che al recibire!!!!!!!!!!

    Vi ringrazio, da vero! Dio ci darà il centuplo!!!!! Excusate per il mio italiano, sono spagnola.

  20. E’ l’epoca dei critici di socio – solidarietà. Magari ce ne fossero tanti ragazzi come questi due sposini a pensare a chi non mangia tutti i giorni e vive nell’indigenza, si calcola che nella sola città di Bari, siamo più di 40 mila. Se chi si adopera in generosità, poi compra pagine sui giornali, mette manifesti, distribuisce volantini, va in televisione, per farlo sapere a tutti, fa bene! Si stimola l’emulazione. A chi non li emula, spiegando in critiche filosofiche che lo fanno per mettersi in mostra, per protagonismo, dico: ” A invidiosi egoisti……… state zitti che è meglio. Non è più tempo del fai bene e scordalo, fai male pensaci! Oggi è tempo del fai bene e fallo sapere a tutti, fai male e vai a impiccarti! Grazie per l’ospitalità. Carlo Maranzano

  21. Per fortuna siete tutti giornalisti e sapete le regole della professione. Abbiamo avuto la notizia, l’abbiamo verificata e ci siamo procurati la foto dei due ragazzi. Non ci vuole un detective. In generale, soprattutto tra chi legge, ci vorrebbe un po’ più di cervello.

  22. si sono ritrovati a rispondere a delle domande perché avevamo necessità di verificare. Mi chiedo per quale diavolo di motivo dia tutte ste spiegazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here