Si ferma davanti all’ingresso dell’ipermercato e chiede, con gentilezza, l’elemosina. Tante persone ci stanno segnalando la spiacevole situazione di una signora che da diverse settimane staziona nei pressi dell’Ipercoop di viale Pasteur. Ai passanti chiede qualche spicciolo o del cibo.

Non conosciamo il suo nome, ma sappiamo che è italiana e che vive solo grazie alla pensione sociale minima nonostante un’evidente disabilità a una gamba. Molti la descrivono comunque come una donna dall’aspetto dignitoso e con un buon livello d’istruzione.

In tanti hanno provato ad aiutarla in qualche modo: lei, però, sembra rifiutare ogni tipo di assistenza che vada oltre la semplice elemosina. L’augurio è che qualcuno di competenza possa interessarsi per aiutare questa signora.

print

4 COMMENTI

  1. purtroppo molte sono in questa situazione grave, nessuno pone l accento che almeno basterebbe non tagliare le pensioni di reversibilita’ quanto meno sotto una certa cifra sarebbe gia’ un piccolo ristoro per chi rimane.

  2. Mi dispiace ma quella signora chiede solo soldi! Un giorno le abbiamo regalato del cibo comprato appositamente per lei dall ‘ipermercato(e lei era vicina ad una macchina nuova di zeccha…ci ha ringraziato e ci ha detto che aspettava una sua amica che doveva accompagnarla) Da lontano quando abbiamo raggiunto la nostra auto abbiamo visto la nonnina regalare il cibo ad un ragazzo di colore e mettersi alla guida di quella stessa auto!!! I truffatori non hanno età!

  3. Ciao a tutti, la nonnina in questione staziona ancora all’ingresso del centro commerciale ma non è proprio povera, come diceva la signora Angela vedo la nonnina chiedere solo soldi, ha anche lanciato un pacco di crackers all’interno del centro commerciale, ma vi dirò di più, lavorando in più centri commerciali vedo spesso la nonnina spendere soldi al centro commerciale di Japigia (senza l’uso della stampella)… altro che povera

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here