Abbandonato a se stesso in un tugurio. Quello di Pinuccio Angiuli assume sempre più le sembianze di un incubo senza fine. Eravamo tornati poco più di un anno fa constatando come, nonostante la ristrutturazione e gli aiuti, Pinuccio fosse ripiombato in un inferno. Da allora la situazione non solo non è migliorata, ma è ulteriormente peggiorata.

Oggi come ieri l’anziano, con evidenti problemi psichici, “vive” in strada San Sebastiano, a Barivecchia, in condizioni a dir poco disperate. Il cartongesso è letteralmente mangiato dall’umidità, la porta d’ingresso è rotta e sempre aperta, dentro ci sono rifiuti e escrementi un po’ ovunque con un tanfo insopportabile.

Come se non bastasse ci sono i soliti vandali che non hanno mai smesso di penderlo in giro e di spaventarlo con petardi, lanciandogli pietre o urinando sull’ingresso di casa. Sono passati ormai 4 anni da quando abbiamo sollevato il caso ma, ancora oggi, quello di Pinuccio sembra un tunnel senza via d’uscita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here