Dormire in una Smart, con due cani e senza poter stare con i propri figli. Questa è vita? Decisamente no. Eppure c’è chi questa situazione la vive davvero ma non vuole smettere di lottare per amore della vita e dei suoi figli. La protagonista di questa assurda vicenda è Silvana Santorsola, 48 anni: dorme ormai da mesi nella piccola auto nel parcheggio del mercato coperto di corso Mazzini, nel quartiere Libertà.

Una vita difficile, ancora più complessa per chi un tempo era abituato a ben altre situazioni. Silvana infatti viene da una famiglia benestante, molto in vista. Poi qualcosa ha cambiato tutto: “Lavoravo in un ristorante, ma il cuoco aveva scoperto che 7 anni fa ero stato arrestata ed essendo un porco mi ha ricattato. Non diceva nulla al titolare in cambio di prestazioni sessuali”. Silvana, però, non è una donna che scende a compressi: “Ho perso il lavoro e quindi la casa. E il processo per il furto è ancora in corso perché io non ho patteggiato. Sono innocente”.

Intanto la vita continua e per Silvana è una lotta continua: “Io ho due figli che ho sempre mantenuto da sola, ma quando ho perso casa e lavoro sono stata costretta a lasciarli a casa della nonna con cui non ho rapporti. Sono in cura e sospendendo la terapia rischio di ammalarmi gravemente. Ogni giorno accompagno mia figlia a scuola e cerco di lavorare ma non riesco perché devo anche badare ai cani”.

I cani appunto. Secondo qualcuno Silvana dovrebbe disfarsi dei due animali vista la sua situazione critica. Ma lei non è assolutamente d’accordo: “Io amo davvero i miei cani, non solo per moda. Questa è una scelta che chiunque ami i propri figli e gli animali dovrebbe fare”.

“Sono andata da Brandi che mi ha detto che avrebbe fatto l’impossibile per rivolvere il problema in tempi brevi – sottolinea Silvana – ma per adesso sono ancora qui”.  Eppure dei locali comunali liberi ci sarebbero, proprio li di fronte, in via Lopez. Ma, secondo quanto riferito dall’assessore al Patrimonio, non sono utilizzabili. Brandi ha assicurato che il caso di Silvana sarà esaminato attentamente dalla Commissione. Nella speranza che non si tratti delle solite promesse mai mantenute.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here