L’Associazione “HBARI2003” e l’Associazione sociale “Volare più in alto”.

L’attività è sospesa per mancanza di fondi“. Le parole di Gianni Romito, presidente di HBari2003, sono pesantissime. “Tramite HBari e l’Associazione volare più in alto, i ragazzi con disabilità intellettiva-mentale possono svolgere psicomotricità grazie alla pallacanestro. Abbiamo inviato al Comune di Bari, al Sindaco Decaro, all’assessore al Welfare Bottalico e all’assessore allo sport Petruzzelli la richiesta di contributo, non hanno neanche risposto. Ci sono i soldi per gli altri, ma purtroppo per i ragazzi disabili non ci sono”.

Noi – aggiunge Romito – siamo cittadini italiani e cittadini baresi, abbiamo il diritto di essere ascoltati dall’Amministrazione locale. L’indifferenza delle istituzioni, però, ci stimola ancora di più ad andare avanti, quindi martedì riapriremo. E rilanciamo: il 12 febbraio, in occasione della Running Heart a Bari, saremo sul lungomare a manifestare. Faremo capire alla città come ci tratta l’Amministrazione“.

La situazione non ha lasciato indifferente Filippo Melchiorre, vicepresidente commissione sport e Capogruppo Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale: “Porterò nella giornata di lunedì la questione in commissione sport per poi convocare urgentemente gli assessori allo sport e welfare. Sono tanti gli associati disabili mentali e psichici che attraverso questa storica associazione hanno ripreso a vivere attraverso lo sport in maniera dignitosa e rispettosa della dignità umana“.

È un vero peccato“, conclude Melchiorre, “che gli assessori allo sport e welfare siano sordi alle richieste di questa associazione unica nel suo genere in città che meriterebbe attenzione e rispetto. Ci pare strano questo anche alla luce dei contributi erogati da parte dell’assessorato allo sport ai circoli esclusivi della città“.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here