Non ha ancora sciolto il nodo sulla sua possibile candidatura nelle liste a sostegno di Antonio Decaro, ma è già finita nel chiacchiericcio politico per elettorale. Silvia Russo Frattasi, candidata non eletta con 264 voti nella coalizione che nel 2014 appoggiò l’attuale presidente Anci, è nel mirino per via del suo posto all’Ager (Agenzia territoriale della Regione Puglia per il servizio di gestione dei rifiuti), presieduta da Gianfranco Grandaliano.

La Russo Frattasi, ritenuta in quota Decaro, ha una collaborazione nelle struttura tecnico-operativa per il supporto amministrativo dal primo gennaio 2018. Il decreto di nomina è il 117 del 29 dicembre del 2017. Si tratta di un Co.Co.pro da 23mila euro lordi annui, che scadrà il prossimo 31 dicembre. Il contratto all’Ager è arrivato scorrendo la short list dell’Agenzia regionale.

La domanda che si stanno facendo in molti è la stessa: la Russo Frattasi rinuncerà alla candidatura per non compromettere il possibile rinnovo del lavoro all’Ager? Sempre che l’interessata, con un curriculum incentrato sull’attività giornalistica e un’esperienza alla Dalcas, azienda che si occupa di gestione dei rifiuti, abbia davvero intenzione di scendere in campo a sostegno dell’uscente Decaro. Lui politicamente la corteggia e non è un segreto.

“Non ho molto da dire – spiega la Russo Frattasi -. Per ora sono solo stata accostata a Decaro in alcuni articoli di stampa. Non ho ancora deciso sul mio futuro politico. La collaborazione con l’Ager è trasparente”.

print

1 COMMENTO

  1. L’unico motivo per cui l’economia dei rifiuti può definirsi “circolare” è il fatto che circola una montagna di denaro tra Tari, discariche, consorzi obbligatori di recupero, inceneritori e (pochissimo) riciclo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here