Per l’ennesima volta non è stato raggiunto il numero legale durante il Consiglio Comunale. “L’opposizione – spiega Pasquale Di Rella – non ha voluto partecipare alla votazione dopo aver preso atto dell’impossibilità di affrontare i temi che riguardano i cittadini. A fronte di questo, visto che la maggioranza non raggiungeva da sola il numero legale in quanto da 25 si sono presentati solo in 16, il Consiglio Comunale per l’ennesima volta è stato sciolto”.

“Dopo aver presentato il mio ordine del giorno che riguardava i contributi alloggiativi – afferma il consigliere Di Rella -, il centro sinistra in modo compatto ha votato no, così come per l’ordine del giorno del consigliere Picaro sulla prostituzione e quello del consigliere Carrieri che voleva affrontare il tema della sicurezza dopo le ultime sparatorie. Da questo abbiamo capito che l’interesse del centrosinistra è di parlare solo ed esclusivamente dei debiti fuori bilancio non dando peso ad argomenti di rilevanza sociale”.

“Nonostante le urla di qualche consigliere di centrosinistra – conclude Di Rella – che voleva imporre il proprio punto di vista e interpretazione, il Presidente e il Segretario hanno mantenuto una linea legittima e corretta e, dopo la lettura del regolamento, hanno sciolto la seduta prendendo atto del fatto che non si era raggiunto il numero legale”.

print

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here