“Il Governo ha assicurato la massima attenzione in attesa dei dati definitivi sulla presenza di radon, attesi per gennaio 2018, sottolineando come, dalle indagini condotte fino a questo momento, non emergano specifiche anomalie”. Il deputato barese del PD Alberto Losacco torna sul palazzo della morte in via Archimede, 16 nel quartiere Japigia a Bari, dove in 26 anni ci sono stati circa 27 casi di tumori, 14 dei quali letali. Le parole di Losacco arrivano dopo la risposta del sottosegretario Davide Faraone alla sua interrogazione sulla vicenda.

“Le indagini, fino a questo momento, hanno riguardato le rilevazioni dei campi elettromagnetici a radiofrequenza, generati da impianti delle comunicazioni, e gli spazi comuni dello stabile. Gli esiti del monitoraggio della concentrazione media annua di gas radon avviato il 16 gennaio 2017 presso alcuni locali della palazzina – prosegue Losacco – saranno disponibili a fine gennaio 2018. Tuttavia, le misure istantanee eseguite il 16 gennaio 2017, per rilevare la concentrazione di gas radon presente al momento stesso del controllo, hanno fornito valori di gran lunga inferiore ai limiti indicati dalla Direttiva europea”.

Il 16 gennaio, infatti, sono stati posizionati dei dosimetri per il radon ed eseguite misure radiometriche istantanee:”I valori riscontrati – aggiunge – non hanno suggerito la necessità di urgenti ulteriori azioni, rispetto a quelle programmate e già intraprese. Anche le misure di rateo di dose gamma in aria, eseguite il 16 gennaio 2017 non hanno posto in evidenza anomalie, rispetto ai valori di rateo riscontrabili comunemente negli ambienti di vita confinati”.

Le verifiche hanno anche riguardato i locali dello scantinato. Arpa Puglia ha avviato ulteriori indagini tecniche, al fine di monitorare la qualità dell’aria, gli odori e le emissioni fuggitive dalla collinetta ecologica, presso la zona Japigia. Si è anche proceduto alla verifica, degli impianti a radiofrequenza esistenti nei dintorni della palazzina. Le indagini tecniche effettuate hanno dato esito negativo, riguardo ai campi elettromagnetici.

“Io credo – prosegue Losacco – che ci troviamo davanti a un fatto straordinario, i tumori, è bene ricordarlo, hanno localizzazione diversa, chi nel pancreas, chi nel polmone. Quindi, quello che abbiamo davanti è un caso da studiare. L’Arpa e l’osservatorio epidemiologico regionale hanno fatto bene il proprio lavoro, ma non sono arrivati a definire l’eziologia e io penso che sia doveroso, da parte del Ministero, seguire questo caso, proprio come ha ribadito il sottosegretario Faraone rispondendo all’interrogazione, assicurando la massima attenzione e nuove ulteriori iniziative – conclude – alla luce dei risultati definitivi sulla concentrazione di gas radon, attesi per il gennaio 2018”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here